Ato 3 – Amam: dopo ore di Consiglio arriva la fumata bianca sulla delibera

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Sembrava una salvezza in zona “Cesarini”, ma la Regione, proprio nel giorno della scadenza, ha concesso un’ulteriore proroga di 6 mesi. Dopo un’estenuante seduta di sette ore il Consiglio Comunale ha approvato la delibera sulla modifica dello Statuto Amam che adesso potrà gestire anche i rifiuti e inglobare nel proprio organico i dipendenti dell’Ambito Territoriale Ottimale proprio nel giorno in cui scadeva la “prima” proroga regionale.

18 voti favorevoli e 4 astenuti (Barrile, Lo Presti, Sturniolo e Russo). Questo il verdetto dell’Aula sulla modifica all’oggetto sociale dell’Amam che verrà gestita in regime di house providing. Un atto propedeutico alla futura costituzione della Multiservizi, vera e propria rivoluzione nella gestione delle società partecipate.

Non sono mancati i momenti di tensione durante il lungo dibattito. Dopo il confronto tra amministrazione e consiglieri, durante il civico consesso di ieri sera, la Giunta ha corretto in corsa la delibera presentando due sub-emendamenti finalizzati all’abrogazione dei commi che vanno dal 4 al 9 i cui contenuti si distaccavano dal vero oggetto del provvedimento amministrativo. Ritirati gli otto emendamenti presentati dal consigliere Giuseppe Santalco così come due dei tre presentati da Sturniolo, l’altro è stato bocciato.

(253)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.