mozione di “fiducia” al sindaco in consiglio comunale

Messina, il Consiglio Comunale approva una mozione per salvare il Centro NeMo Sud

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Oggi, mercoledì 23 giugno, il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità una mozione con l’obiettivo di salvare il Centro NeMO Sud, attualmente a rischio chiusura. Il documento chiede l’intervento del sindaco di Messina Cateno De Luca, del prefetto Cosima Di Stani e del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

I fatti sono ormai noti, a seguito della rescissione della convenzione con il Policlinico “G. Martino” di Messina da parte della Fondazione Aurora Onlus, il Centro clinico NeMO Sud rischia la chiusura a far data dal 30 giugno 2021. Tanti gli accorati appelli dei giorni scorsi da parte di cittadini, sindacati e politici, per scongiurare la chiusura della struttura, punto di riferimento tra Sicilia e Calabria per circa 5mila persone affette da malattie neuromuscolari.

Lo scorso maggio, il presidente della Regione, Nello Musumeci, aveva annunciato una soluzione, una nuova casa per il Centro NeMO ma, ad oggi, ancora niente sembra essere cambiato. È partita allora una petizione su Change.org, per salvare la struttura, venerdì 25 giugno è previsto un sit-in alla Passeggiata a Mare e il Partito Democratico ha depositato all’ARS un’interrogazione a risposta scritta per sapere cosa stia facendo la Regione per il centro clinico e i suoi pazienti.

Sempre oggi, in mattinata, il Consiglio Comunale di Messina ha approvato all’unanimità una mozione in cui chiede al sindaco Cateno De Luca di «porre in essere ogni azione utile volta a scongiurare la paventata chiusura del Centro NeMO Sud»; al presidente Nello Musumeci di «onorare il proprio impegno politico e sollecitare l’Assessore regionale alla Sanità a trovare in tempi brevi una soluzione». La mozione si rivolge infine al Prefetto di Messina.

 

(152)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.