Messina. ATM non cede sull’abbonamento parcheggi nella ZTL per i lavoratori

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Si è riunita oggi – lunedì 11 ottobre – la I Commissione consiliare Viabilità di Messina, presieduta dal consigliere Libero Gioveni. Al centro dei lavori, la proposta di istituire delle forme di abbonamento nelle aree di sosta della ZTL (Zona a Traffico Limitato) per tutti i lavoratori del centro, pubblici e privati.

Alla seduta hanno preso parte per ATM S.p.A. il dott. Armando Bressan, delegato dal Presidente dell’Azienda Campagna, e il Presidente del Circolo dello Stretto Dario Carbone, che nei giorni scorsi si era fatto promotore di una petizione on line.

Abbonamento parcheggi per i lavoratori di Messina

«Durante l’ampio dibattito – ha detto Gioveni – l’Azienda ha ribadito che, stante l’avvenuta introduzione degli abbonamenti nei parcheggi multipiano Cavallotti e Zaera Sud, non ritiene opportuno istituire gli abbonamenti anche nei lotti centrali in virtù del principio della cosiddetta sosta breve che anche in riferimento al PGTU e al PUMS dovrebbe prevalere.

Tuttavia – ha aggunto Libero Gioveni, presidente della I Commissione – il dott. Bressan si è impegnato a istituire a breve anche gli abbonamenti nel parcheggio “Fossu” di via La Farina, esteso a tutta la cittadinanza, non soltanto ai lavoratori, che certamente si rivelerebbe utile per venire in contro anche ai lavoratori del centro. Alla luce di ciò però ho proposto ad ATM, anche in virtù della nuova immatricolazione di 8 nuovi bus, di prevedere dei servizi navetta che facciano la spola fra i parcheggi e i lotti centrali».

Cosa dice la petizione del Circolo dello Stretto di Messina

La petizione lanciata a fine settembre dal Circolo dello Stretto di Messina chiede di riformulare le tariffe della ZTL di Messina e prevedere una forma di abbonamento per i parcheggi a raso.

«I parcheggi nelle “strisce blu” all’interno della Z.T.L. di Messina – recita il testo della petizione – sono tornati a pagamento dal 1 luglio 2021 con delle tariffe molto esose che non agevolano né i commercianti ed i loro dipendenti né tantomeno i lavoratori pubblici e privati che ogni giorno raggiungono il centro città.

A Messina, rispetto ad altre realtà regionali o nazionali come ad esempio Palermo, Catania e Roma a delle quote orarie importanti (1€ l’ora) si aggiunge la mancata previsione di un abbonamento (settimanale, mensile o annuale) o di una qualche forma di agevolazione per le categorie sopra descritte che usufruiscono giornalmente del servizio.

La situazione è la medesima tanto per i parcheggi a raso in area ZTL quanto per quelli c.d. “modulari” come il “Cavallotti” di Piazza Stazione, il “Fosso” di Via La Farina ed il “Zaera” di Villa Dante all’interno dei quali – a maggior ragione considerata la loro posizione peculiare – invece dovrebbe essere prevista una tariffa ad hoc.

Tenuto conto di quanto sopra si richiede al Sindaco di Messina ed al Presidente del C.D.A. dell’ A.T.M. “Azienda Trasporti Messina” di:

  • Rimodulare le tariffe dei parcheggi “Cavallotti”, “Fosso” e “Zaera” al fine di rendere le stesse realmente convenienti per gli utenti (es. 0,50€/ora; 2€ dalle 8:00 alle 13:00; 4€ dalle 8:00 alle 20:00) con l’aggiunta di abbonamenti settimanali, mensili, semestrali annuali (es. 8€ settimana, 25€ mese, 130€ sei mesi, 200€ anno).
  • Prevedere tariffe in abbonamento settimanali, mensili, semestrali o annuali per i parcheggi a raso in area ZTL (es. 10€ settimana, 30€ mese, 150€ sei mesi, 250€ anno).
  • Prevedere particolari agevolazioni per l’utilizzo dei parcheggi multipiano in occasione di festività, ricorrenze o eventi sportivi (es. partite casalinghe del Messina).

 

(333)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.