Sondaggio Datamonitor, questa la previsione dei seggi a Messina: fuori Idv e La Sinistra

Pubblicato il alle

2' min di lettura

schede elletoraliQuanti seggi sarebbero attribuiti al collegio provinciale messinese per le regionali secondo il sondaggio Datamonitor, pubblicato da Blogsicilia? Cerchiamo di comporre le caselle con questi numeri che provengono da “campioni” di elettori, ricordando la soglia di sbarramento al 5% che ogni lista deve avere in Sicilia per ottenere seggi. Ci sarebbero molte conferme ma anche delle sorprese. Una, secondo queste cifre, vede Italia dei Valori al 3,5% e, dunque, senza la possibilità di strappare nemmeno un seggio nel messinese, nonostante il lavoro di coordinamento del parlamentare nazionale Carmelo Lo Monte. Senza rappresentanti anche la lista Fava con Sinistra e Verdi. Il Pdl al 17,3% guadagnerebbe 2 scranni all’Ars, come il partito democratico dato al 19%. Entrambi – secondo Datamonitor – sarebbero comunque in discesa (Pdl dal 18 al 17,3%, Pd dal 20 al 19%) rispetto ai numeri del 20 settembre scorso. Scende anche il Partito dei siciliani-Mpa, dal 12 al 10%, ma un seggio a Messina sarebbe sicuro. Come di un punto percentuale scenderebbe anche l’Udc, dall’11 al 10%, ma anche in questo caso con un posto all’Ars. A Messina un posto all’Ars dovrebbe andare anche al Movimento Cinque Stelle, dato al 7%, alla lista Musumeci (che cresce dal 5% a 6,2%) e alla lista Crocetta (ferma al 6%). Grande Sud cala dal 5,5 al 5% e potrebbe avere un deputato regionale messinese per il rotto della cuffia. L’undicesimo seggio, con questi dati, potrebbero contenderselo Pd e Pdl. Per il dodicesimo occorrerà analizzare i resti in tutta l’isola. Fuori dai giochi, in questo momento e sempre secondo il sondaggio, Cantiere Popolare Pid al 3,5%, Alleanza di Centro all’1%, Fli all’1,5%, Piazza Pulita allo 0,5%, Lista Fava, Fds, Sel e Verdi che dal 6% si ritrova al 4,5% dopo l’uscita dell’ex candidato presidente e l’indicazione di Giovanna Marano. A bocca asciutta sarebbero anche Rivoluzione Siciliana di Cateno De Luca all’1,8%, i Forconi all’1,2%. Tutti gli altri sarebbero sul 2%.

@Acaffo 

(49)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.