VincenzoGarofalo

Garofalo chiede al ministro Lupi risorse per la Metromare

Pubblicato il alle

2' min di lettura

VincenzoGarofaloIl deputato messinese Enzo Garofalo interviene, ancora una volta, sulla vicenda Metromare. In particolare chiede al Governo di discutere immediatamente con RFI l’affidamento a Blufferies del collegamento tra Messina e Reggio Calabria, al fine di garantire la continuità territoriale tra la Sicilia e il Continente, che verrebbe fortemente pregiudicata qualora il servizio venisse interrotto il 28 giugno prossimo.

Non solo. Garofalo invita, sin da ora, il Ministro Maurizio Lupi a reperire all’interno del Ministero alle Infrastrutture e Trasporti, i fondi necessari per avviare le procedure di gara europee per la prosecuzione del servizio per il triennio 2014/2016.

L’intervento di oggi fa seguito all’ordine del giorno approvato dalla Camera nei giorni scorsi e alla interrogazione presentata ieri al Ministro nella quale il deputato chiedeva il rifinanziamento del servizio Metromare manifestando, inoltre, insoddisfazione e preoccupazione per l’esito della procedura di selezione effettuata che lascia scoperta la tratta ME- RC e viceversa, tratta  che assorbe almeno il 60% del traffico tra le due sponde dello Stretto e non ha mezzi alternativi di collegamento a differenza di quella Messina- Villa San Giovanni servita anche dai traghetti.

Alla interrogazione di ieri il sottosegretario Rocco Girlanda aveva replicato ribadendo l’impegno del Governo a porre in essere ogni iniziativa volta a reperire i 26 milioni di euro necessari alla prosecuzione del servizio per il triennio 2014/2016 e sottolineando come il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti avesse già prospettato la necessità di un rifinanziamento in sede di programmazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze, rifinanziamento non predisposto a causa delle non disponibilità di fondi in bilancio.

“In occasione della conversione del decreto Legge Crescita 2, il 7 dicembre scorso- sottolinea  Garofalo- era stato approvato l’emendamento che prevedeva il rifinanziamento del servizio.

I fondi- conclude Garofalo- vanno trovati perché non si può mettere a rischio un diritto costituzionalmente garantito come quello alla continuità territoriale. Se il Ministero della Economia e delle Finanze non ha risorse da stanziare allora le trovi, nei suoi capitoli di spesa, il Ministero alla Infrastrutture e Trasporti”.

(46)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.