volt messina, veronica pagano e massimiliano milazzo

Elezioni, Volt con Franco De Domenico: «Messina e i messinesi al primo posto»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Volt Messina accoglie con favore la candidatura di Franco De Domenico a sindaco di Messina. Il movimento, che ha partecipato attivamente ai diversi confronti avviati nel centrosinistra dice a sua sul candidato e lo “promuove“: «L’apertura al dialogo dimostrata dal candidato e i primi impegni assunti (uno fra tutti: trasparenza e partecipazione cittadina), hanno incontrato da parte nostra sicuro apprezzamento».

È stato un parto lungo, ma alla fine il centrosinistra si è compattato attorno alla figura di Franco De Domenico, nonostante qualche inciampo iniziale. Dopo gli “accorintiani”, che all’indomani della scelta, hanno voluto spiegare le ragioni del loro tentennamento iniziale, è il turno di Volt Messina – tra i partiti firmatari della candidatura – di esprimere il proprio endorsement nei confronti del segretario cittadino del Pd.

A commentare, Massimiliano Milazzo, Coordinatore locale di Volt insieme a Veronica Pagano: «Usciamo – afferma – da un’esperienza amministrativa degradante per la città di Messina. Una Messina sempre più penalizzata nelle classifiche sulla qualità della vita, che ha abbandonato le sue periferie e i suoi villaggi, priva dei servizi essenziali per una vita davvero dignitosa per tutti e tutte. Si apre adesso una nuova fase che porterà alla definizione di un programma unitario già tracciato nelle sue linee essenziali, non dimenticando gli apporti delle realtà civiche messinesi dati con Spazi di confronto.»

Sulla stessa lunghezza d’onda la coordinatrice Veronica Pagano: «Messina e i messinesi devono essere messi al primo posto – sottolinea. Personalismi e divisioni frenano ogni possibilità di progresso per la città. Il centrosinistra è partito da questa consapevolezza e, superando le difficoltà iniziali, è pronto per restituire la dignità perduta. Da parte di Volt non saranno ammessi deragliamenti dal percorso, ma siamo certi di non essere soli».

(131)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.