Elezioni Regionali, Micciché: «Ricandidando Musumeci il rischio di perdere è altissimo»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Non ha pace il centrodestra che, in vista delle elezioni regionali previste per l’autunno del 2022 in Sicilia non trova ancora un reale accordo sul candidato alla Presidenza. Ad aggiungere un ulteriore tassello al dibattito, oggi, è il presidente dell’ARS Gianfranco Micciché: «Vogliamo vincere in Sicilia o no? – dice in un’intervista al Corriere della Sera. Perché se l’obiettivo è quello, ricandidando Musumeci il rischio di perdere invece è altissimo».

Mentre per le elezioni amministrative a Messina a fuoriuscire dalla coalizione di centrodestra è stata la Lega (con il gruppo nato in vista delle elezioni, Prima L’Italia), a seguito dello strappo del deputato nazionale Nino Germanà, passato al fianco di Federico Basile, e quindi di Sicilia Vera; in vista delle regionali è Fratelli d’Italia che rischia di essere la causa della scissione. In particolare, lo scontro attualmente riguarda la ricandidatura del presidente Nello Musumeci, considerata naturale dalla leader di FdI Giorgia Meloni, ma osteggiata da Forza Italia.

«Serve un tavolo della coalizione – ribadisce Gianfranco Micciché –, come è sempre avvenuto fra di noi, per scegliere assieme un candidato condiviso capace di vincere». Il coordinatore di Forza Italia ha poi aggiunto: «Non pongo aut aut a nessuno. Vogliamo vincere in Sicilia o no? Perché se l’obiettivo è quello, ricandidando Musumeci il rischio di perdere invece è altissimo».

Interrogato su un’ipotesi di una sua candidatura al posto di Musumeci, Micciché nega: «L’unica cosa che spero di tornare a fare è il presidente dell’Assemblea». «La coalizione è già spaccata – aggiunge –, perché Cateno De Luca, che in Sicilia è politico forte, ha detto che si candiderà contro Musumeci, se lui si presenterà. E in una elezione a turno unico se il centrodestra si presenta con due candidati perde». L’intervista completa è disponibile qui.

(361)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.