municipio

Elezioni. La “macchina organizzativa” non ha funzionato.Cattiva programmazione

Pubblicato il alle

2' min di lettura

municipio-Incredibile Messina, riesce a fallire anche nel più programmato degli eventi. Uno come una tornata elettorale che, in teoria, avrebbe dovuto essere “studiata a tavolino” come un’operazione di strategia militare, passaggio dopo passaggio.E invece alle 10,00 del mattino di martedì 11 giugno, a quasi 20 ore dall’inzio dello spoglio, mancano ancora 18 sezioni per definire conclusa l’operazione di conta dei voti.
Per tre dei 4 candidati a sindaco, Gianfranco Scoglio, Maria Cristina Saija e Alessandro Tinaglia, la partita era già chiusa a poche ore dalla chiusura dei seggi. Con notevole distacco da Felice Calabrò, Renato Accorinti e Vincenzo Garofalo. Con il trascorrere delle ore, già ieri, si è capito che rimanevano in due a giocarsi quella “mano di carte”. Ed ancora, ore dopo, con gran parte delle sezioni scrutinate, Calabrò è apparso come il nuovo sindaco di Messina, con la “sorpresa” Accorinti a tallonarlo come un segugio. Ma con il naso a parecchi passi dal vincente candidato del centrosinistra. Poi, quasi a notte, la riconta dei voti e giochi ancora aperti: dalla certa ascesa di “Felice per Messina”, al dubbio di un ballottaggio tra i due. E se così fosse, e se il centrodestra di Garofalo desse sostegno ad Accorinti, appare ovvio che la poltrona di palazzo Zanca non sarebbe poi così sicura per Calabrò. Insomma Messina può stare ancora un po’ in apnea, visti i ritardi nello spoglio.
Ma dietro le quinte cosa accade? Accade che, data la lentezza nella comunicazione dei dati finali dello spoglio delle 254 sezioni, il segretario generale del Comune, Santi Alligo, ha comunicato al Prefetto Stefano Trotta che ardua fu, per i presidenti di sezione, la compilazione del verbale delle operazioni elettorali e del modello finale di raccordo dati. Ieri alle 19,00, su venti comunicazioni depositate, soltanto due erano esatte. Da qui la necessità di distribuire ad ogni sezione un modello cui attenersi per la compilazione. In piena notte, poi, la segreteria generale del Comune ha informato la Prefettura che c’erano dei voti attribuiti ai candidati sindaco che non avevano valore, essendo venuti meno l’effetto trascinamento.
La domanda, dunque, è: ma distribuire prima, alle 254 sezioni, un prestampato che indicasse modalità di compilazione, no?
Le solite messinesate.

(80)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.