Concessione immobili comunali a Enti e Associazioni. Russo: «Si approvi il regolamento»

comuneIl consigliere comunale Antonella Russo chiede all’Amministrazione che venga approvato il regolamento generale per la concessione e la locazione di immobili comunali in uso a enti e associazioni che si occupano di volontariato. Dal momento che «rientra tra gli obiettivi dell’Amministrazione comunale — si legge nella proposta di deliberazione preparata da Russo — la cooperazione con il terzo settore, in un’ottica di integrazione e complementarietà degli interventi a favore di tutta la cittadinanza e che risultano sussistenti diverse richieste di assegnazione di locali da parte di associazioni che operano sul territorio cittadino» è necessario procedere e regolamentare  la concessione di locali e immobili comunali a questo scopo.

«È opportuno che un tale regolamento venga approvato — prosegue il documento —, anche al fine di dare attuazione alle finalità programmatiche del Comune di Messina», come previsto dallo Statuto del Comune che si impegna «a garantire e sviluppare sull’intero territorio le infrastrutture e i servizi sociali necessari», e rientra tra i principi ispiratori dello stesso anche «l’organizzazione dei servizi in materia di assistenza e di attività culturali, sportive, ricreative, in forma decentrata, affidando in via preferenziale i servizi di carattere sociale alle associazioni di volontariato”, e “la predeterminazione dei parametri di convenienza economico-sociale della gestione dei servizi pubblici locali».

Tutto ciò premesso che la legge 11 agosto 1991 n. 266 e s.m.i. riconosce il valore sociale e la funzione dell’attività di volontariato come espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo, ne promuove lo sviluppo nell’autonomia e ne favorisce l’apporto per il conseguimento delle finalità di carattere sociale, civile, culturale e ambientale. Inoltre — viene evidenziato nella proposta di deliberazione — la legge 8 novembre 2000 n. 328, all’art. 1 comma 5, recita: «alla gestione ed alla offerta dei servizi provvedono soggetti pubblici nonché, in qualità di soggetti attivi nella progettazione e nella realizzazione concertata degli interventi, organismi non lucrativi di utilità sociale, organismi della cooperazione, organizzazioni di volontariato, associazioni ed enti di promozione sociale, fondazioni, enti di patronato e altri soggetti privati».

Pertanto — conclude Russo —, è assolutamente necessario approvare un regolamento per la locazione e concessione in uso dei locali comunali «a favore di enti, associazioni, persone fisiche e giuridiche che svolgono particolari funzioni sociali, ed utili per la collettività intera».

(59)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *