Acr Messina. Barrile sprona Accorinti: “Serve il sistema di videosorveglianza”

acr messina stadio 1I recenti furti di computer, monitor e Dvr, essenziali per il sistema di videosorveglianza, allo Stadio “San Filippo” potrebbero negare l’accesso dei tifosi o il trasferimento delle partite da giocare in casa dell’Acr Messina. Il presidente del Consiglio comunale, Emilia Barrile, prendendo a cuore la “causa”, chiede al sindaco, Renato Accorinti, di aiutare concretamente la squadra.

“La nuova acquisizione dell’ACR Messina da parte del Presidente Natale Stracuzzi – scrive Emilia Barrile -, che ha puntato con coraggio e lungimiranza alla rinascita di una realtà importante per Messina come quella del calcio che attendeva da tempo questa spinta al rilancio in campo nazionale, ha senz’altro rappresentato per la città una soddisfacente risposta all’attesa di tutti i tifosi messinesi.  In considerazione che il Progetto sotteso a questa nuova linea gestionale è improntato ad una forte connotazione di appartenenza alla città, Le chiedo di tradurre in fatti concreti la generica disponibilità, espressa in conferenza stampa, di supporto all’attuale presidenza”.

“A causa di furti perpretati nello Stadio “San Filippo” – spiega -, la Società ha assoluta necessità di avere rimpiazzati un computer, due monitor ed un DVR imprescindibili per il sistema di videosorveglianza. Tale mancanza mette a rischio la partecipazione al prossimo Campionato non potendo ottenere il nulla-osta della Federazione a causa delle mancate autorizzazioni delle autorità competenti. Il pronto acquisto dev’essere un’assoluta priorità al fine di non rischiare l’esclusione dalle prime partite”.

“Si rende imperativa, quindi – continua il Presidente del Consiglio comunale -, la creazione di un ufficio dedicato ed un Responsabile garante che possa gestire complessivamente, senza inutili rimpalli e con tempi essenziali, tutte le problematiche inerenti i rapporti fra l’Amministrazione e la prima squadra della città, per porre basi solide al rilancio in Lega Pro: evitare frammentazioni di interventi e pluralità d’interlocutori sarebbe il corretto inizio di un nuovo corso efficace al necessario rilancio”.

“Il riportare il Messina Calcio ai trascorsi gloriosi ed ai traguardi che tutti i tifosi si aspettano – sottolinea -, deve essere un obiettivo di tutti e che scaturisca da un impegno serio, programmato e partecipato di tutti i soggetti interessati.

“Le chiedo, quindi – conclude Emilia Barrile, presidente del Consiglio comunale -, di porre in essere tutti gli sforzi gestionali possibili per condividere con la nuova proprietà il percorso intrapreso e di rendere edotta questa Presidenza del Responsabile amministrativo individuato e dei tempi necessari alla corretta risoluzione dei nodi ancora da risolvere”.

(146)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *