Messina. Rimosso l’angelo di Piazza Cairoli

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Era stato realizzato nell’ambito del progetto “Il Natale degli Angeli” ed oggi, dopo otto anni, l’angelo di Piazza Cairoli è stato rimosso. La scultura, intitolata “Non sono stato, forse lo sarò”, era stata realizzata dall’artista Pippo Galipò e rappresentava un angelo su un’altalena, rinchiuso all’interno di una gabbia. Un’opera che voleva essere la metafora della condizione dell’uomo moderno, incapace di affrontare un mondo sempre più virtuale e tecnologico che, con il miraggio di nuove libertà, lo rende invece sempre più ingabbiato.

Il sole, la pioggia e l’inevitabile scorrere del tempo, però, hanno oggettivamente lasciato segni molto evidenti. Dell’angelo ingabbiato, realizzato con fil di ferro e juta, era rimasto ben poco e la colomba bianca appoggiata sul suo petto, già da parecchio tempo “aveva spiccato il volo”. L’arte, quindi, aveva lasciato il posto a quella che più volte è stata definita come una vera e propria carcassa, ormai svuotata del suo significato originale. Per questo motivo l’angelo di Piazza Cairoli è stato rimosso. Ma che fine farà?

A prelevarlo è stata l’Università degli Studi di Messina che lo ha portato al polo Annunziata, con esattezza al Dipartimento di Beni culturali, dove sarà restaurato. Una volta finiti i lavori, sarà decisa la sua nuova collocazione. Non si sa ancora, infatti, se tornerà nel piccolo spiazzo antistante Piazza Cairoli, all’incrocio tra via Tommaso Cannizzaro e via Garibaldi, o se gli verrà trovata una nuova casa.

 

(5449)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ma davvero si pensa di perder tempo a restaurare questa cosa che ci ha fatto vergognare per dieci anni, lasciata a piazza Cairoli manco fosse stato il Marc’Aurelio?

  2. Speriamo che le operazioni di restauro vengano effettuate con le consuete tempistiche…

  3. E le altre installazioni di quel progetto che fine hanno fatto?

error: Contenuto protetto.