Messina. Convogliamento acque piovane: avviati i lavori a San Michele

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Il Comune di Messina ha avviato i lavori di convogliamento delle acque piovane provenienti dagli svincoli Giostra e Annunziata in via Comunale San Michele località Ritiro, nel tratto compreso tra Via Auriga e Via Pleiadi.

A comunicarlo il consigliere e presidente della Commissione Lavori Pubblici della V Circoscrizione Franco Laimo, insieme ai colleghi Franco Tavilla e Manuel Barbaro.

Convogliamento acque piovane a Messina, iniziano i lavori a San Michele

Il Dipartimento Servizi Tecnici del Comune di Messina ha avviato ai lavori di convogliamento acque piovane nella zona di Ritiro, precisamente in Via Comunale San Michele. «In questi anni non pochi disagi si sono registrati per i residenti della zona, – scrive in una nota Laimo – che spesso, durante le piogge autunnali ed invernali, si sono visti letteralmente invasi da fiumi di acqua, fango e detriti provenienti dalle colline sovrastanti.

Oggi – prosegue il consigliere della V Circoscrizione di Messina –  è caratterizzata dalla parola fine attraverso i relativi lavori di messa in sicurezza e realizzazione dei canaloni di convogliamento acque. Laimo assieme ai colleghi di Circoscrizione Tavilla e Barbaro, da tempo hanno evidenziato i seri disagi e rischi per l’incolumità pubblica e privata dei cittadini residenti e non, ricordando inoltre vere e proprie alluvioni registrate in questi ultimi anni, che più volte, hanno visto anche l’intervento del Corpo dei Vigili del Fuoco, all’interno di alcune abitazioni del luogo.

Ogni qualvolta infatti si sono verificati degli acquazzoni, i residenti di Via Comunale San Michele Ritiro, hanno vissuto nel terrore, con la preoccupazione che la collina soprastante potesse franare sulle abitazioni: dopo i lavori per la realizzazione dello svincolo autostradale di Giostra infatti una parte della collina è stata totalmente “scavata” e sono stati inseriti i grandi pilastri che sorreggono i ponteggi; in conseguenza di ciò però probabilmente non sono state realizzate a monte delle opere che prevedevano adeguatamente la deviazione dei flussi idrici delle stesse acque piovane, e difatti ogni qualvolta si sono verificate delle piogge, cumuli di fango e detriti si riversavano in strada e non solo.

In particolar modo fiumi di fango hanno invaso i cortili e le abitazioni del complesso residenziale Siac e dell’adiacente ex istituto scolastico che è ormai divenuto deposito mezzi concesso ad un privato, e le case della zona. Grazie a tali interventi chi mirano alla prevenzione, sarà possibile risolvere definitivamente tale problematica».

 

(104)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.