Maltempo a Messina. San Michele: cronache dal giorno dopo il nubifragio

Quella del torrente San Michele sembra essere un’Odissea che non ha mai fine: ieri, 3 ottobre, il primo acquazzone ed è subito conta dei danni. Case allagate, macchine trascinate dalla furia dell’acqua che arriva dalla collina retrostante.

Questa mattina il quadro è preoccupante, dai racconti dei cittadini riferiti dal consigliere di Circoscrizione Franco Laimo che si è recato sul posto, qualcuno si è dovuto perfino rifugiare nel bar di fronte alla chiesa, per la paura di rimanere intrappolato in casa.

Ogni anno, così, la storia si ripete: con l’arrivo del maltempo il San Michele e le altre decine di torrenti che attraversano la città si ingrossano creando grande pericolo per gli abitanti delle case vicine e per i passanti.

Quando la situazione diventa preoccupante i cittadini inermi possono solo assistere, immortalando i fatti con numerosi video che vengono poi caricati su Facebook. Uno dei tanti filmati di ieri ritrae un’auto parcheggiata sul letto del torrente San Michele che viene trascinata da acqua e fango.

La pulizia del torrente è stata effettuata qualche settimana fa ma nonostante questo, quando arrivano gli acquazzoni, il torrente continua ad ingrossarsi, creando terrore nei cittadini che chiedono aiuto alle autorità.

Su Facebook è stato, così, lanciato l’hashtag #salviamovillaggiosanmichele: «Lottiamo tutti insieme, lottiamo per il nostro diritto alla vita – scrive un utente – di parole ne abbiamo sentite tante, siamo stanchi: 5000 abitanti pieni di paura che popolano il villaggio San Michele. Lottiamo e facciamo squadra, come fatto pochi giorni fa per i festeggiamenti del nostro Santo Patrono. È un nostro diritto il poter vivere dignitosamente nel 2019. Chiediamo a tutti coloro che ne hanno l’autorità di intervenire (signor Sindaco, Consiglieri, Prefetto, Genio Civile, Regione, Stato).  È un vostro dovere, vi abbiamo eletti in primis per la salvaguardia della vita di ogni cittadino. Svegliamoci tutti, affinchè possa trovare finalmente una situazione definitiva, prima che sia troppo tardi».

(281)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *