C’è ancora tempo per usare il Bonus Vacanze 2020: quando scade e come funziona

foto di una ragazza sulla spiaggia durante le vacanze estive 2020Non avete ancora dato un’occhiata al Bonus Vacanze 2020? Poco male, perché non è ancora scaduto. Dal 1° luglio e fino al 31 dicembre 2020 sarà possibile utilizzare l’incentivo – tra quelli previsti nel Decreto Rilancio – per il Bonus Vacanze 2020, anche in Sicilia.

Hai voglia di un pausa? Non sei mai stato in Sicilia? Il Bonus Vacanze potrebbe essere la soluzione per la tua vacanza. Nel dettaglio, come si ottiene, chi può usarlo e quando scade il Bonus Vacanze 2020.

Una vita in vacanza – Come funziona il Bonus Vacanze 2020

Il Decreto Rilancio – in seguito all’emergenza coronavirus – ha stabilito un incentivo dedicato alle vacanze, da spendere in un’unica soluzione, fino al 31 dicembre 2020 in tutte le strutture aderenti: alberghi, bed & breakfast, villaggi turisti e campeggi.

Chi può richiedere il Bonus Vacanze 2020?

Possono ottenere il Bonus Vacanze i nuclei familiari con ISEE fino a 40.000 euro. Per il calcolo dell’ISEE è necessaria la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU), che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali di un nucleo familiare e ha validità dal momento della presentazione e fino al 31 dicembre successivo. L’importo del bonus sarà modulato secondo la numerosità del nucleo familiare:

  • 500 euro per nucleo composto da tre o più persone
  • 300 euro da due persone
  • 150 euro da una persona.

Per maggiori informazioni su come ottenere la Dichiarazione sostitutiva unica e calcolare l’ISEE si può consultare il sito dell’INPS  o rivolgersi a un CAF.

Come ottenere il Bonus Vacanze 2020?

Il bonus può essere richiesto e viene erogato esclusivamente in forma digitale. Per ottenerlo è necessario che un componente del nucleo familiare sia in possesso di un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE 3.0 (Carta d’Identita Elettonica). Al momento della richiesta del bonus, infatti, si dovranno inserire le credenziali SPID e successivamente fornire l’Isee. Se non hai la tua identità digitale richiedila (SPID e CIE 3.0)

Come si usa?

  • può essere utilizzato da un solo componente del nucleo familiare, anche diverso dalla persona che lo ha richiesto
  • può essere speso in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica ricettiva in Italia (albergo, campeggio, villaggio turistico, agriturismo e bed & breakfast)
  • è fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore
  • il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta, in sede di dichiarazione dei redditi, da parte del componente del nucleo familiare a cui viene intestato il documento di spesa del soggiorno (fattura, documento commerciale, scontrino/ricevuta fiscale).

Lo sconto applicato come Bonus Vacanze sarà rimborsato all’albergatore sotto forma di credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione, o cedibile anche a istituti di credito.

Per individuare le strutture presso le quali è possibile utilizzare il bonus, occorre fare riferimento ai soggetti che – indipendentemente dalla natura giuridica o dal regime fiscale adottato – svolgono effettivamente le attività previste dalla norma. A titolo indicativo e non esaustivo, tali attività sono riconducibili alla sezione 55 di cui ai codici ATECO.

L’adesione delle strutture turistico-ricettive all’iniziativa è libera. Prima di prenotare la vacanza assicurati che sia possibile utilizzarlo dove hai scelto di soggiornare per le tue prossime vacanze.

Sei una struttura turistica ricettiva? Le istruzioni per alberghi, bed & breakfast, agriturismo, ecc.

Sei un operatore del turismo e non hai ancora aderito al Bonus Vacanze 2020? Puoi aderire se sei registrato alle Agenzie delle Entrate.

Fino al momento della riscossione del Bonus Vacanze da parte di un tuo cliente, non serve che tu faccia nulla: solo far sapere a chi sceglierà la tua struttura per le vacanze che aderisci all’iniziativa.

Lo sconto applicato al tuo ospite in possesso del “Bonus Vacanze” ti sarà rimborsato sotto forma di credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione mediante il modello F24, ovvero cedibile anche a istituti di credito. Con la risoluzione n. 33 del 25 giugno 2020 – pdf è stato istituito il relativo codice tributo (6915) da indicare nel modello F24 per usufruire del credito.

Per maggiori informazioni clicca qui.

(3894)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *