beppe picciolo, leader di sicilia futura

Beppe Picciolo propone di intitolare un luogo della città a Samuele Mussillo

Pubblicato il alle

2' min di lettura

L’esponente di Sicilia Futura Italia Viva Beppe Picciolo chiede di intitolare un luogo importante di Messina a Samuele Mussillo, il noto meterologo, deceduto ieri sera, 7 ottobre.

«Un pensiero – scrive in una nota Picciolo – a un nostro concittadino emerito che stanotte ci ha lasciati improvvisamente. Senza indugio intitolare a Samuele Mussillo, quando sarà possibile, un luogo importante della nostra città. Intanto tenere viva la memoria dedicando all’illustre concittadino i vialetti interni dell’ex Fiera di Messina».

Beppe Picciolo chiede di intitolare una piazza a Samuele Mussillo

Samuele Mussillo è stato colto da un malore nella notte del 7 ottobre. Messina oggi si è svegliata con questa triste notizia. «Stamane – continua la nota di Picciolo – una pioggia battente si è unita alle nostre lacrime per la scomparsa di un uomo giusto che ieri notte ci ha lasciati improvvisamente.

Mi unisco al dolore della famiglia per la perdita di un concittadino illustre quale è stato Samuele Mussillo. Autentico faro per noi messinesi – ha ricordato Picciolo – che da sempre con le sue previsioni ha guidato con discrezione e professionalità le nostre scelte familiari. E chissà se non avrebbe previsto anche la realizzazione di una piazza di fronte alla Madonnina per dare sole ed aria pulita alla sua Messina. E proprio da qui noi messinesi dobbiamo ripartire ora che si prospetta la possibilità di “ridare luce” alla passeggiata di viale della Libertà, archiviando ogni progetto di cesura col nostro mare e rivedendo in toto l’affaccio sullo Stretto, proprio di fronte alla stele che più di ogni altro simbolo rappresenta Messina.

La proposta che faccio, al Nostro Gruppo Consiliare di Sicilia Futura, da estendere a tutto il Consiglio, è quella di intitolare il più importante dei viali interni dell’ex Fiera di Messina a Samuele Mussillo in attesa che, decorsi i “tempi tecnici” necessari, si possa completare il ricordo intitolando poi proprio la più bella piazza che avrebbe la nostra Città di fronte alla Madonnina. Mi piacerebbe vedere sorgere sulle macerie del Teatro in Fiera – ha concluso Picciolo – una magnifica Agorà da dedicare ad un uomo che, con la mano sul cuore, ha reso meno buie le nostre giornate».

(141)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.