Acr Messina, Maccarrone:”A Caserta un punto prezioso, la solidità paga”

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Con il pareggio di Caserta, il Messina ha ufficialmente interrotto il mal di trasferta che durava da sei turni, dove i giallorossi non hanno conquistato neanche un punto lontano dal “Franco Scoglio”.

L’obiettivo era proprio quello di non tornare dalla Campania a mani vuote, obiettivo pienamente raggiunto, per un pareggio che per Giordano Maccarrone vale veramente tanto: “Siamo soddisfatti, era importante smuovere la classifica. Non era facile perché giocavamo contro una buona squadra, ma il punto ci sta. Non prendere gol ti fa stare sereno e ti fa affrontare meglio tutto. Insomma, è un buon punto di partenza. Dietro siamo stati attenti, l’obiettivo era non perdere ed abbiamo rischiato poco. Tra qualche giornata questo punto conquistato a Caserta sarà valorizzato di più”.

La testa però deve essere già rivolta all’importante match interno contro il Taranto che vale mezza salvezza:“Diamo al Taranto la stessa importanza delle altre gare. Non dobbiamo perdere e se entriamo in campo con la giusta convinzione è una sfida alla nostra portata. Alla penalizzazione ci pensiamo, ma al momento dobbiamo aspettare e fare più punti possibile nel frattempo”.

Maccarrone nelle ultime settimane ha trovato molto spazio lì in mezzo alla difesa, vincendo spesso il ballottaggio con il compagno (e amico) Luca Bruno:“Nessun problema con Bruno. Quando giocava lui lo sostenevo, adesso per scelta tecnica gioco di più io. È un bravo ragazzo e farà una grande carriera”.

Tornando al campionato, la acque della zona playout sembrano particolarmente agitate, squadre come Melfi e Catanzaro sono più vive mai, ma per Maccarrone il Messina resta padrone del proprio destino, nonostante la spada di Damocle della penalizzazione:  “Nelle ultime settimane c’è stato qualche risultato strano: non mi aspettavo ad esempio la sconfitta del Matera a Catanzaro. Chi è dietro gioca con più rabbia, chi è davanti ha qualche stimolo in meno, ma non pensiamo troppo agli altri”.

Infine, Maccarrone, torna a parlare del cambio di proprietà dopo esser stato uno dei giocatori simbolo della manifestazione del 16 febbraio scorso che si è svolta all’esterno dei cantieri dell’ex presidente Stracuzzi: “Adesso c’è più serenità, mentre prima si era toccato il fondo. Se noi non prendevamo gli stipendi ci poteva anche stare paradossalmente, ma c’è chi lavora nell’ombra e invece ha bisogno assolutamente di percepire quello che gli spetta”.

(54)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.