Visita al carcere della Stancheris che promette fondi per le attività teatrali. Sul Sovrintendente dice: “Voglio una nomina di alto profilo”

stancheris accorintiL’assessorato regionale agli Spettacoli ipotizza sostegno finanziario e organizzativo per progetti culturali all’interno del carcere di Gazzi. Ieri pomeriggio, dopo la seduta congiunta a Palazzo Zanca delle commissioni regionale e comunale sul Teatro Vittorio Emanuele, il sindaco Renato Accorinti e l’assessore regionale Michela Stancheris sono entrati all’interno della Casa Circondariale. “E’ il primo esempio di unione progettuale tra la città e il carcere – ha affermato la Stancheris – io posso garantire per le attività teatrali che con la circolare 2014 che uscirà venerdì prossimo possiamo contribuire a portare avanti, mi farò anche portatrice d’interessi presso i colleghi in giunta regionale per i progetti che riguardano il laboratorio di artigianato attraverso i fondi della Formazione professionale”.

Accorinti ha ricordato l’accordo siglato con il direttore del carcere Calogero Tessitore per programmi di rieducazione e reinserimento sociale e lavorativo. Il primo cittadino pensa ad esempio a un laboratorio dove possano essere realizzate le panchine per le fermate Atm o per gli sportivi. “Ci dimentichiamo sempre di loro, i detenuti – ha dichiarato Accorinti – ma sono loro gli ultimi, confido molto nell’assessore Stancheris per i progetti che stiamo concretizzando, altro aspetto che vorrei sottolineare è l’unione dei teatri di Messina, Taormina, Barcellona Pozzo di Gotto, Reggio Calabria e simbolicamente anche quello del carcere”.

 

Sul futuro sovrintendente del Teatro Vittorio Emanuele che dovrà essere indicato dal Consiglio d’amministrazione e ratificato dalla Regione la Stancheris al nome di Egidio Bernava, già presidente dell’ente, ha dichiarato: “Voglio una nomina di alto profilo”. In lizza ci sarebbe pure l’architetto Longo. Nei prossimi giorni l’assessore regionale ufficializzerà il nome dell’ultimo consigliere che comporrà il nuovo Cda. 

(40)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *