Una città sicura, vivibile e pulita. Il M5S sostiene l’isola pedonale

Isola pedonale«La decisione del Consiglio Comunale sull’isola pedonale è assolutamente priva di prospettiva, di lungimiranza e di capacità di comprendere la visione di una città più sicura, vivibile e pulita». Così, il MoVimento 5 Stelle boccia l’azione che ha ristretto l’area dell’isola pedonale, tanto da decretarne la fine.

«Non c’è dubbio sul fatto che l’istituzione dell’isola pedonale “Cairoli” sia una “rivoluzione” condannata a rimanere incompiuta senza una pianificazione di più ampio respiro che includa un piano di mobilità urbana relativo al servizio pubblico — si legge in una nota del Movimento —, la predisposizione di una soluzione praticabile per i problemi di traffico legati alle navi traghetto ed adeguati piani di sviluppo del commercio. È pur vero che si tratta di un primo passo verso la realizzazione di una città più sostenibile, efficiente e moderna e ci fa piacere constatare che il lavoro della giunta sull’integrazione del parco mezzi Atm e alla definitiva conclusione dei lavori al Porto di Tremestieri vada in questa direzione».

Secondo i Cinquestelle la decisione del Consiglio Comunale è «un mero attacco politico che non tiene conto dei pensieri, delle idee e della volontà dell’intera cittadinanza che mal vede la scelta di un centro città privo di un’isola pedonale».

Gli attivisti del meetup “Grilli dello Stretto” e i portavoce del M5s dichiarano il loro sostegno ai cittadini che vogliono il ripristino dell’isola pedonale e per questo saranno al loro fianco in tutte le manifestazioni, a partire da quella che si terrà questa mattina, e firmeranno la petizione “Pro Isola Pedonale”.

«Metteremo al servizio di tutti — prosegue la nota — le nostre professionalità e le nostre competenze per migliorare qualsiasi aspetto legato alla realizzazione, all’ampliamento e alla riproduzione anche in altre zone della città del progetto dell’isola e ci appelliamo al Consiglio Comunale affinché la decisione venga ridiscussa e analizzata nuovamente».

«Da diverso tempo — concludono — questo organo sembra deciso a negarsi a priori su qualsiasi vicenda o a fare un’opposizione preventiva senza tener conto del reale interesse della collettività, dalla questione Tir (sulla quale il consiglio non ha mai preso la responsabilità di decidere nulla) a quella del gettone di presenza da devolvere al nascente Birrificio Messina e, non ultima, alla battaglia portata avanti da Accorinti in prima persona contro il transito dei Tir».

(59)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *