Tiepida partecipazione di solidarietà al sit-in degli ex Triscele. «Messina, svegliati!» gridano i lavoratori

Pubblicato il alle

2' min di lettura

tn trisceleorchestraliLa buona notizia è che oggi pomeriggio a Catania il governatore Crocetta incontrerà una delegazione degli ex lavoratori Triscele; la brutta è che questa mattina erano in pochissimi quelli che si sono uniti alla manifestazione all’ingresso dei cancelli di via Bonino. Pochi, troppo pochi, e Messina continua a restare inerte alle sollecitazioni. C’era un gruppo di orchestrali del Vittorio Emanuele che ha suonato all’inizio del sit-in, i manifestanti del teatro in Fiera “Pinelli”, le ex guardie giurate de “Il Detective”, gli ex Ferrotel, i lavoratori della mensa universitaria e delle mense scolastiche, i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Orsa, il presidente del Consiglio comunale Previti e i consiglieri comunali e il segretario del Pd Grioli. Ma insieme non superavano il centinaio di persone insieme a cronisti, fotografi e responsabili delle Forze dell’Ordine e Digos. Giovanni Mastroeni ha aperto gli interventi seguito da Nino Catanzaro, uno degli ex Triscele, che ha affermato: «Messina non merita quello che sta vivendo, ogni giorno 8 giovani lasciano questa città. I negozi chiudono. Messinesi svegliatevi! Noi faremo di tutto per far riaprire il birrificio». I manifestanti del Pinelli, oltre alle critiche sulla conduzione “burocratica” del teatro Vittorio Emanuele, hanno sollecitato il boicottaggio dei prodotti Heineken e sottolineato i bassi numeri della manifestazione. Bloccata per mezzora circa la via Bonino, lato Monte, la protesta si è conclusa intorno alle 10.30. È l’ennesimo sollecito alla politica per aiutare Messina e farle cambiare rotta economica. 

@Acaffo

(61)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.