daliagiampiero

Il ministro D’Alia: “Accorinti si scusi pubblicamente”. Anche il Pdl invita il sindaco alle scuse

Pubblicato il alle

2' min di lettura

daliagiampiero“Il sindaco Accorinti dovrebbe scusarsi pubblicamente con la cittadinanza messinese per una provocazione demenziale e inopportuna, che offende le Forze Armate e la memoria di quanti, anche nostri concittadini, sono morti per la pace in Italia e nelle missioni internazionali”. Cosi il ministro per la Pubblica Amministrazione e Semplificazione Gianpiero D’Alia commenta il gesto del sindaco di Messina Renato Accorinti, che ha esposto una bandiera della pace nel corso delle celebrazioni del 4 novembre nella città siciliana. 
 
“Alle Forze Armate, giustamente indignate per questo comportamento – aggiunge D’Alia – va la nostra solidarietà e gratitudine. Essere sindaco non significa fare l’attivista di una minoranza, per quanto rispettabile, ma rappresentare tutti i cittadini e il sentimento di un’intera comunità. Oggi Accorinti non l’ha fatto”.
 
E sulla scia del Ministro D’Alia, anche il PdL Messina scrive: 

“Il comportamento assunto oggi dal Sindaco Renato Accorinti in piazza Unione Europea, in occasione delle celebrazioni per la giornata delle Forze Armate e del 95esimo anniversario della fine della prima guerra mondiale, è stato inopportuno e irrispettoso.

Oggi il sindaco avrebbe dovuto rendere omaggio a coloro che- come i messinesi caduti in missioni di pace all’estero-rischiano la vita pur di salvaguardare la nostra incolumità e difendere i diritti civili in quei Paesi nei quali tali diritti vengono violati,

Invece ha espresso la sua opinione personale dimenticando di essere sindaco di Messina e, come tale, tenuto a rappresentare il pensiero di tutti, anche di chi non ha la sua stessa visione delle cose”.

 

 

 

(55)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.