Servizi sociali. Cresce la tensione tra sindacati e politica sulle questioni di proroghe e stipendi

Pubblicato il alle

3' min di lettura

tn srvizi socialiMomenti di tensione, questa mattina, a Palazzo Satellite dove si è tenuta la commissione consiliare ai Servizi sociali. Durante l’incontro dei consiglieri comunali con il dirigente comunale al Sociale, Salvatore De Francesco, l’irruzione degli esponenti della Funzione Pubblica Cgil, in testa la segretaria Clara Crocé, con le lavoratrici della ex cooperativa Futura, oggi in servizio presso la coop. Nuove Solidarietà. Sarebbero volate parole grosse perché i politici non hanno voluto ascoltare le richieste del sindacato che voleva chiedere novità sul pagamento degli arretrati e il futuro dei Servizi sociali. Al diniego, la Fp Cgil ha chiesto l’intervento dei Carabinieri. Subito dopo la Crocé si è spostata al Comune e, insieme ai colleghi di Cisl e Uil, si è recata nella stanza del Commissario Croce per sapere quando saranno avviate le proroghe ai servizi e per quanto tempo. Da informazioni si è appreso che la cooperativa Nuova Presenza ha comunicato di voler rinunciare alla proroga per il trasporto dei disabili. Tra oggi e il 20 gennaio scadranno tutti i servizi sociali appaltati dall’ex giunta Buzzanca.

 

 

Appare grave, dunque, per le Organizzazioni sindacali che, a tre giorni dalla scadenza dei servizi, non si abbia nessuna certezza su proroghe e nuovi bandi, con la conseguenza di mettere a rischio la prosecuzione del servizio. I sindacati hanno chiesto, nel corso dell’incontro, chiarezza e trasparenza sulle fatture delle Cooperative presentate, pagate e non pagate chiedendo che gli atti di liquidazione vengano pubblicati sul sito internet del Comune.

 

Fuori dalla Sala Giunta, i lavoratori che, senza stipendio dallo scorso luglio e senza aver percepito nemmeno la tredicesima mensilità prima delle feste natalizie, hanno voluto evidenziare la loro grave preoccupazione per il futuro del servizio. “Non c’è chiarezza – spiegano Clara Crocè, Calogero Emanuele e Giuseppe Calapai, segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl – né sui tempi né sulle modalità di rinnovo dei bandi e di normalizzazione dei pagamenti. Abbiamo assistito a svariati annunci di proroghe del servizio e oggi forse si comincia a capire quali siano le reali verità dei mancati pagamenti alle Cooperative. Da lunedì, però, oltre tremila utenti e loro famiglie rischiano di essere privati di servizi essenziali per la loro condizione e i lavoratori senza occupazione. È urgente e inevitabile – attaccano i sindacalisti – procedere a una proroga di tutti i servizi, in attesa della definizione dei nuovi bandi”.

 

Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl intendono capire, in tempi brevi, quali sono le fatture presentate dalle Cooperative e dove e per quali motivi si sono arenati i pagamenti che bloccano, di fatto, gli stipendi agli operatori. I dirigenti dei Dipartimenti del Comune hanno assicurato che nella giornata di domani sarà consegnato ai sindacati il dettaglio delle fatture pagate e di quelle in giacenza.

Intanto il dirigente De Francesco ha dichiarato che il “suo ufficio considera tutti i servizi come essenziali e pertanto procederà all’adozione degli atti per evitare l’interruzione”.

 

 

@Acaffo

(48)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.