Rifondazione Comunista esprime solidarietà ai marittimi della Caronte&Tourist in lotta

Pubblicato il alle

2' min di lettura

caronte-touristIl Partito Rifondazione Comunista si schiera a sostegno della lotta dei marittimi della Caronte, impegnati nelle difesa del posto di lavoro e dei livelli salariali. «Noi riteniamo – si legge in una nota − che l’azienda nel corso degli anni ha goduto, e gode tuttora, di molti vantaggi, operando di fatto in condizioni di quasi monopolio. Dalle informazioni che si possono rinvenire sulla stampa si evince facilmente che la società di traghettamento non soffre di una gestione in perdita che imporrebbe i “tagli”, ma semplicemente vuole massimizzare i profitti: il tentativo è quindi semplicemente quello di scaricare “la crisi”, o, più semplicemente, una parte dei costi di gestione che qualsiasi impresa deve affrontare, interamente sulle tasche dei lavoratori». Il Prc denuncia come questa vicenda da un lato è un segno ulteriore «dell’arroganza di un’azienda che è abituata a non rendere conto a nessuno delle proprie scelte, dall’altra si inquadra nel periodo drammatico che stiamo vivendo, in cui in tutta Europa i padroni cercano di approfittare della crisi per incrementare i loro profitti a scapito dei salari e degli stipendi». E concludono: «L’attacco alla condizione dei lavoratori passa anche attraverso l’attacco allo stato sociale con lo smantellamento progressivo dei trasporti, della scuola, della sanità. I giovani sanno con sempre maggior chiarezza che per loro si prepara un futuro di disoccupazione, precariato, lavoro nero, emigrazione, e giustamente si ribellano». Il Partito della Rifondazione Comunista saluta quindi con favore l’impegno degli studenti della Ras (Rete Aggregativa Studentesca) che manifestano insieme ai lavoratori.

(27)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.