Renzi calabrò

Renzi vince anche a Messina con il 63,91% e porta in assemblea cinque delegati. Al voto poco più di 16mila persone

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Renzi calabròAlla chiusura delle urne nella provincia di Messina il dato definitivo delle Primarie del Partito Democratico è di 16.044 votanti, di cui 3.534 nel capoluogo. Il vincitore nei 79 seggi di città e provincia è Matteo Renzi con 10.235 voti, pari all’63,91% del totale. Seguono Gianni Cuperlo con 3.405 (21,27%) e Pippo Civati con 2.372 (14,81%). Negli otto seggi di Messina città Renzi ha conquistato 1.985 voti (56,71%), Cuperlo 774 (22,14%), Civati 740 (21,14%). 

I nove seggi spettanti alla provincia di Messina potrebbero essere così ripartiti: Cuperlo 2, Renzi 6, Civati 1.

 

«Da qui riparte il Partito Democratico- dichiara il segretario provinciale Basilio Ridolfo -. I risultati confermano la necessità di investire su una nuova classe dirigente, in grado di riportare entusiasmo e partecipazione all’interno del Partito e della sua gente. Un particolare ringraziamento, ci tengo a ribadirlo, va agli oltre 350 volontari impegnati per oltre 13 ore nei nostri circoli e gazebo per garantire il regolare svolgimento di questo straordinario esercizio di democrazia».

Nella zona ionica esultano per il risultato. L’associazione Big Bang in una nota scrive:

Nel comprensorio Jonio/Alcantara Matteo Renzi vola al 67,29% registrando in questa parte di territorio il miglior risultato in assoluto della provincia di Messina (davanti soltanto il collegio di Patti con il 68,24%).

 

Sono 2605 i cittadini che in tutta la riviera si sono recati al voto nei seggi allestiti per l’occasione e di questi ben 1748 (appunto il 67,29%) hanno scelto Matteo Renzi come leader del PD. Gli altri candidati hanno totalizzato: Gianni Cuperlo 495 (19,05%) e Pippo Civati 355 (13,66%). Renzi conferma e migliora quindi nel nostro territorio lo straordinario risultato delle scorse primarie quando raggiunse qui la vetta più alta di tutta la provincia con il 44% dei voti.

 

“Siamo molto soddisfatti di questo risultato – dicono dall’Associazione Big Bang jonio/Alcantara che sin dall’inizio ha sostenuto il sindaco di Firenze – che è corale e di tutti coloro che con noi hanno lavorato per raggiungerlo. Considerato che in termini di abitanti assoluti questo collegio è il meno popoloso di tutta la provincia, questo risultato ha ancora più forza e valore”. C’è da notare come Renzi si sia imposto in maniera omogenea in tutti i comuni coinvolti e come i centri di Scaletta, Ali Terme, Nizza, Furci, S. Teresa, S. Alessio, Giardini, Taormina e Gaggi abbiano confermato le buonissime performance dell’anno scorso, così come è da segnalare il risultato positivo di Francavilla e di tutti gli altri comuni nei quali Renzi è cresciuto in maniera esponenziale.

 

Il risultato del nostro comprensorio è inoltre uno dei migliori di tutta la realtà siciliana, sopra di quasi 9 punti percentuali alla media dell’Isola e in linea con quella raggiunta da Renzi a livello nazionale.

 

Adesso è importante che la nuova dirigenza provinciale del PD tenga conto del cambiamento di passo che si è determinato con la segreteria di Matteo Renzi. Insieme ai tanti che hanno voluto dare fiducia a lui e al nostro lavoro, continueremo a lavorare per migliorare e cambiare il PD e la politica nel nostro territorio”.

 

Tra i delegati nazionali i Renziani Iole Nicolai, il deputato regionale Pippo Laccoto, il presidente del IV Quartiere Francesco Palano Quero e i genovesiani Nicoletta D’Angelo e Giovanni Sciuto.

 

Per Cuperlo va in assemblea nazionale il prorettore Antonio Saitta.

Per l’area Civati Piero David, Pina Miceli e Giampiero Terranova. 

 

(66)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.