provincia

Rao: “La Provincia “sfora” di 22 milioni.Il governo Ricevuto ha alzato tasse e tariffe”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

provinciaVentidue milioni di euro: a tanto ammonterebbe il “buco” in bilancio alla Provincia che potrebbe portare presto allo sforamento del Patto di Stabilità. Con gli effetti negativi che ci saranno, come il blocco delle assunzioni e la mancata stabilizzazione dei precari, oltre a ripercussioni su mutui e investimenti. Questa mattina, dopo la nota di ieri, conferenza stampa del capogruppo Pd, Pippo Rao, e dei colleghi di partito Giuseppe Grioli e Ciccio Italiano. Non ci sono i documenti, al momento, che testimonierebbero il rischio e Rao, entro fine mese, potrebbe convocare un nuovo incontro con i cronisti. Oggi Rao ha detto: “L’amministrazione Ricevuto è imbarazzante, approssimativa. Abbiamo votato, grazie alla presenza in aula del Pd, soltanto nell’ultimo giorno utile la manovra correttiva richiesta dalla Corte dei Conti. Abbiamo imposto un atto durissimo al governo Ricevuto e il presidente farebbe bene a dimettersi”. Entro il 31 gennaio, la Provincia dovrà certificare la conferma del Patto di Stabilità e pare che si stia “lavorando” pure di notte per evitare lo sforamento. Critiche sono state rivolte, ancora una volta, all’aumento massimo degli assessori (15), che secondo gli esponenti del Pd non hanno prodotto nulla, mentre il governo Ricevuto ha alzato tasse e tariffe come la Rca Auto. Per il Pd la ricetta è di avviare un piano di razionalizzazione della spesa, togliere ai servizi inutili e dare a quelli che servono. Da indiscrezioni, a breve, il governo Ricevuto dovrebbe “tagliare” i buoni pasto – sostengono dal Pd. “Siamo sull’orlo del baratro – ha proseguito Italiano – anziché tentare di “tagliare” i servizi sociali, l’amministrazione non doveva rifinanziare le quote alla Sogas, la società dell’Aeroporto dello Stretto”. Grioli ha contestato il sistema, messo in campo anche alla Provincia, ma attivo in tanti enti locali (come al Comune capoluogo), che i bilanci di previsione vengano approvati sempre a fine anno, lasciando l’amministrazione a stanziare fondi per “dodicesimi”. In pratica come fosse un’amministrazione straordinaria.

@Acaffo

(47)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.