Un protocollo d’intesa per gestire i rifiuti e prevenire le violazioni. La proposta di Ialacqua

cassonettirifiutiRifiuti speciali abbandonati ovunque, cassonetti contornati da scarti di ogni genere, ingombranti, spesso pericolosi, materiale di risulta accatastato. Sono circa un centinaio i luoghi censiti da MessinAmbiente nei quali si registrano giornalmente ripetuti conferimenti abusivi di rifiuti di ogni tipo Al fine di prevenire e/o reprimere ogni violazione di legge e regolamenti in tema di rifiuti, l’assessore all’ambiente, Daniele Ialacqua, con una nota trasmessa alla Prefettura, alla Questura e al Procuratore generale della Repubblica, ha richiesto un piano d’azione comune mediante la stipula di un protocollo d’intesa, come già avvenuto in altre realtà urbane, che coinvolga le forze dell’Ordine, le associazioni ambientaliste e di volontariato sociale, gli enti istituzionali.

Nel manifestare la preoccupazione in merito alle ripetute violazioni della normativa vigente relativamente al conferimento e/o smaltimento dei rifiuti urbani e speciali, pericolosi e non pericolosi, sul territorio comunale, l’assessore Ialacqua ha sottolineato che «anomali e frequenti accatastamenti di rifiuti prevalentemente sempre negli stessi luoghi fanno pensare a una sistematica e consapevole violazione della normativa in tema di rifiuti che, oltre ad arrecare un grave danno alla salute dell’uomo e dell’ambiente, costituiscono un pesante onere economico ed organizzativo per l’amministrazione comunale, chiamata a rimuovere i rifiuti, che aggrava la già difficile situazione economica del Comune».

«Non si tratta tanto o soltanto del frequente conferimento dei sacchetti di spazzatura fuori dagli orari prescritti o fuori dagli appositi cassonetti, che rappresentano anch’essi una continua emergenza — precisa l’assessore —, ma dell’abbandono quotidiano di tonnellate di materiale derivante da demolizioni edili, di lastre di cemento-amianto, di copertoni, di suppellettili e materassi, di elettrodomestici, di imballaggi di cartone, di materiali di lavorazione di ogni tipo, di quotidiane ingenti quantità di documenti cartacei provenienti da uffici pubblici, ecc., che vengono abbandonati a ridosso dei cassonetti, in slarghi stradali, in aree di sosta, nei torrenti, in terreni abbandonati, in collina, nel fondo di viadotti, in immobili abbandonati, talvolta dati anche alle fiamme, minacciando gravemente — conclude — l’incolumità e la salute dei cittadini, degradando l’ambiente urbano all’inverosimile, sfregiando l’immagine della città agli occhi dei turisti, rendendone invivibili ampie zone».

(39)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *