Protesta dei lavoratori Aicon stamane in Prefettura contro i licenziamenti

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Decine di lavoratori di Aicon Yachts per tutta la mattina davanti alla Prefettura. «Ieri sera la notizia che sono pronte a partire le lettere di licenziamento per gli oltre 330 dipendenti» così dice Vincenzo Capomolla di Usb (Unione Sindacale di Base). Arrabbiati i lavoratori, che si sono subito dati appuntamento stamattina davanti alla Prefettura. «Eppure proprio in questi giorni l’intervento chiesto e avuto da parte di Prefettura e Regione aveva aperto altre prospettive, sia in termini di continuazione della cassa integrazione — sottolinea il dirigente Usb — che di impegno diretto per cercare soluzioni per l’attività imprenditoriale e per assicurare il futuro dei lavoratori». Capomolla aggiunge: «Ora invece questa notizia senza senso dei licenziamenti pronti e che abbiamo chiesto e chiediamo che siano bloccati». Nel corso della mattinata è arrivata la convocazione del Prefetto per venerdì alle 11.00 alla presenza del curatore fallimentare. «Abbiamo subito organizzato un nuovo presidio per venerdì mattina, per il quale ovviamente chiamiamo a raccolta tutti i lavoratori», conclude così Capomolla. «Non è accettabile continuare a pensare a un futuro fatto di licenziamenti, tagli e chiusure, soprattutto in questa terra. E questo chiama in causa direttamente tutti, dalle istituzioni, al governo nazionale e locale fino a ciascuno di noi».

(42)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.