Primo giorno da candidato per Germanà: “Se vincerò lascerò il seggio Europeo, nessuno ha più un pacchetto voti”

NinogermanaeuropeePrimo giorno ufficiale da candidato alle elezioni Europee per Nino Germanà: il messinese del Nuovo Centrodestra che aspira a un seggio a Bruxelles. O meglio che se vincerà rinuncerà. Lo ha spiegato bene in conferenza stampa, lo slogan è “Scegli me Scegli Messina”, con accanto i parlamentari Vincenzo Garofalo e Bruno Mancuso. Mancuso: “Nino non se lo è fatto dire due volte a candidarsi, vogliamo dimostrare che il partito nella nostra provincia è attento al territorio, la candidatura è intanto di servizio senza escludere la possibilità di un’elezione, la soglia di sbarramento al 4% non la supereranno più di 4 partiti e noi saremo tra questi”.

Germanà: “Ringrazio Angelino Alfano per l’attenzione riservata a Messina, gli altri partiti come Pd e Forza Italia non hanno espresso messinesi e la candidatura della Reitano tra i forzisti non la ritengo di peso come la mia, nel caso venissi eletto al parlamento europeo rinuncerei al seggio a Bruxelles per proseguire l’attività politica alla Regione, chiederò un voto per essere più forte al Tavolo delle trattative per Messina”.

Germanà si è detto molto soddisfatto che Messina abbia creato più circoli del Ncd di Palermo o Catania. Tra i temi che il parlamentare regionale utilizzerà in campagna elettorale ci saranno l’agricoltura e l’accoglienza (spiegato come gli scarti dell’agricoltura non possano essere bruciati ma definiti rifiuti speciali e questo crea problemi agli imprenditori del settore).

“Faremo di tutto – ha proseguito Germanà – affinché il Nuovo Centrodestra possa andare ben oltre la soglia dello sbarramento, l’accordo con l’Udc è il primo passo per l’unione in un solo gruppo di tutti i moderati”. Mancuso che non era contento del patto con l’Udc ha cambiato idea sostenendo che bisogna guardare al futuro anche se il partito di D’Alia alla Regione governa insieme a Crocetta e tra i candidati alle Europee in lista c’è l’assessore Patrizia Valenti.

Sul pacchetto voti, pari a 20mila circa, che con l’inchiesta che vede indagato il deputato nazionale Francantonio Genovese, potrebbero mutare gli equilibri politici del territorio messinese Germanà ha risposto così: “Penso che oggi c’è tanta sfiducia nella politica e che nessuno, in questo momento, abbia un pacchetto voti, noi chiederemo un voto aperto, un voto al progetto del Nuovo Centrodestra, credo nel progetto Alfano-Renzi perché se falliscono loro fallisce l’Italia”. Garofalo: “Dobbiamo far capire agli elettori che le elezioni Europee sono importanti perché l’Europa governa molti temi fondamentali per lo sviluppo, oggi la gente vuole politici che rischiano, che periodicamente si mettono in gioco, che dicono cose chiare”. @Acaffo

(62)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *