Pino ufficialmente nella squadra di Accorinti: «Sì, alla flotta comunale ma con le dovute condizioni»

pinoLo stile è semi-accorintiano. Niente maglietta Free-Tibet, però, ma un maglioncino azzurro mare. Da lupo di mare, appunto, quale è stato- Il nuovo assessore Sebastiano Pino si è presentato così, stamani, alla stampa. Né giacca, né cravatta per l’uomo nuovo in Giunta, atteso esattamente 44 giorni: tanti ne sono trascorsi dalle dimissioni di Filippo Cucinotta.

È il tempo delle promesse, oggi, per Pino come per ogni altro che si affaccia al difficile mestiere del politico. Ecco le sue:: «Avvierò immediatamente i contatti con le associazioni, i sindacati, operanti nell’ambito delle deleghe che mi sono state affidate. Intendo portare avanti un rapporto sinergico di confronto con l’Amministrazione». Tra gli impegni che il neo-assessore ritiene prioritari c’è quello della continuità territoriale, che lui definisce, al momento, drammatica. «Impensabile – aggiunge – che la Sicilia venga tagliata fuori dal resto d’Italia».

Il nuovo assessore ha, inoltre, precisato di non aver mai fatto parte di alcuna cordata politica nonostante il suo impegno sindacale. Nell’ intraprendere questa esperienza ha evidenziato come l’Amministrazione, con la quale ha collaborato anche prima di questo incarico, si stia impegnando al massimo per portare avanti il suo compito nei confronti della città, ma che i risultati dipendono anche dalle circostanze non proprio favorevoli.

«Ho lavorato con l’Amministrazione − dice Pino − ancor prima di assumere questo ruolo ufficiale» e nel suo affiancare ha certamente condiviso il sogno tutto accorintiano delle “flotta comunale”. Un’idea nata – come sottolineano entrambi – non per sottrarre al privato il trasporto sullo Stretto ma per dare un ulteriore vantaggio ai cittadini. In pratica, eliminare il monopolio e puntare sulla pluralità.

E sulla “flotta comunale” continuano a puntare: «Credo a questo progetto, fa parte del nostro programma – ha rimarcato Pino – e lavoreremo per realizzarlo. Prima, però, bisogna creare le condizioni per farlo».

Interviene Accorinti: «Abbiamo lavorato a 4 bilanci e un Piano di Riequilibrio per non fare affondare la nave. Risolti questi problemi si penserà a tutto il resto e la “flotta comunale” sarà tra le priorità». Solo qualche giorno fa, Accorinti si è recato a Reggio Calabria per discutere il progetto di una “flotta intercomunale” con il giovane sindaco dirimpettaio, Giuseppe Falcomatà.

Le deleghe assegnate a Pino sono: Risorse del Mare, Patrimonio, Politiche della Casa, Politiche dello Sport, quest’ultima ceduta a lui dal sindaco. E su questa cessione, Accorinti ha detto: «Gli affido lo Sport così potrò concentrarmi meglio sul mio ruolo e  incontrare i cittadini. E glielo affido per la sua competenza in ambito sportivo». Ha, però, aggiunto che non si farà totalmente da parte, nonostante il passaggio di testimone, ma continuerà a lavorare in sinergia con Pino.

Ha detto la sua anche Patrizia Panarello, assessore alle Pari Opportunità e unica donna in Giunta, colei che ne avrebbe voluta un’altra: «Era mio compito, anche per il ruolo che ricopro, fare una simile richiesta. Sono contenta della scelta del Sindaco, anche se non conosco personalmente Pino. Una donna che lavora e che è madre ha anche altri impegni ma non per questo è meno capace o meno presente al lavoro di un uomo. Io sono stata criticata di assenteismo, ma non è vero».

Entrato ufficialmente nella squadra di Accorinti, nei prossimi giorni, Pino si ritroverà in commissione sport a intraprendere importanti iniziative.

Giusy Gerace

(123)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *