Palazzo Zanca apre le porte ai cittadini: approvato il Regolamento Comunale del Bilancio Partecipativo

Foto dei consiglieri M5S in aula, consiglio comunale MessinaIl Consiglio Comunale ha approvato  il Regolamento Comunale del Bilancio Partecipativo. A Messina, quindi, tutti i cittadini potranno prendere parte, in maniera attiva, alla vita politica di Messina. «E’ un traguardo importantissimo – commentano i consiglieri comunali del M5S – che di fatto “apre le porte” di Palazzo Zanca a tutti i cittadini, attraverso il loro coinvolgimento diretto nella scelta degli obiettivi e delle modalità di spesa delle risorse pubbliche».

Furono proprio i pentastellati a presentare la proposta di delibera sul Bilancio Partecipativo, lo scorso 24 ottobre, nell’ottica di avere un Comune sempre più attento alle esigenze dei suoi cittadini. E quale soluzione migliore che coinvolgerli in prima persona?

«Con la legge regionale n. 5 del 2014 – spiegano i consiglieri – è fatto obbligo ai comuni di spendere almeno il 2% dei trasferimenti regionali di parte corrente, utilizzando strumenti che coinvolgano la cittadinanza per la scelta di azioni di interesse pubblico. Il regolamento – proseguono – consentirà a tutti gli organismi di rappresentanza collettiva che non abbiano appartenenza politica o partitica di presentare istanze e proposte in materia di strutture sportive, arredo urbano, tutela ambientale, verde pubblico, attività culturali, sportive e ricreative, servizi sanitari e socio-assistenziali, attività educative di istruzione e formazione, politiche giovanili e integrazione sociale. Le proposte saranno finanziate con appositi fondi a destinazione vincolata inseriti nel bilancio comunale».

«Il regolamento sull’accesso alla democrazia partecipata renderà concreto il coinvolgimento dei cittadini alle scelte amministrative, con procedure chiare e trasparenti per la scelta dei progetti e la costituzione di un’apposita commissione, che provvederà alla valutazione delle istanze. Detto in maniera semplice, grazie a questo strumento saranno gli stessi messinesi a decidere, di concerto con l’Amministrazione e con le Circoscrizioni, che sono parte attiva del processo, quali sono le reali priorità della città, scegliendo ad esempio se utilizzare i relativi fondi per migliorare il verde pubblico, realizzare un parco giochi per bambini o dei parcheggi. Le Istituzioni – concludono – devono tornare ad essere la “casa dei cittadini”: il voto di ieri in Aula, in tal senso, rappresenta un primo passo fondamentale nel segno della democrazia e della partecipazione diretta».

(139)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *