dafne musolino ordinanza movida messina

Ordinanza sulla movida di Messina: l’assessore Dafne Musolino risponde alle polemiche –VIDEO

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Non è ancora stata pubblicata ma già fa discutere l’ordinanza con cui la Giunta Basile intende disciplinare la movida estiva a Messina. A generare la polemica, in particolare, gli orari scelti per consentire le attività musicali da parte dei lidi della riviera cittadina. Sulla questione interviene l’assessore alle Attività Produttive, Dafne Musolino: «Bisogna attuare ogni strumento utile per garantire la pacifica convivenza della collettività» specifica, e annuncia un piccolo correttivo.

È in fase di redazione e pubblicazione l’ordinanza pensata dalla Giunta Basile per stabilire alcune regole che disciplinino la movida messinese in questi mesi estivi, con particolare riferimento alle attività musicali, alle cosiddette serate, organizzate dai lidi lungo tutta la riviera. A far discutere, soprattutto, la scelta dell’Amministrazione di consentire l’avvio delle attività musicali a partire dalle 21.00 e non prima: «Non lamentiamoci e piangiamoci addosso – aveva detto il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Dario Carbone – se la nostra città non viene considerata una città per giovani».

Ordinanza sulla movida a Messina, Musolino: «Va garantita la pacifica convivenza della collettività»

A replicare, oggi, è quindi l’assessore alle Attività Produttive, Dafne Musolino, che spiega le ragioni dei provvedimenti contenuti nella contestata ordinanza sulla movida. «Mi dispiace prendere atto – commenta in prima battuta – che non si aspetti neanche la pubblicazione di un provvedimento che iniziano le polemiche».

Di seguito, le dichiarazioni dell’esponente della Giunta che replica alle contestazioni, spiega il contenuto dell’ordinanza e anticipa un piccolo correttivo.

Cosa prevede, dunque, l’ordinanza?

Innanzitutto, ci spiega Musolino, occorre fare una distinzione tra i lidi e locali che hanno la licenza per il pubblico spettacolo e quelli che non ce l’hanno. I primi potranno fare attività musicali dalle 21.00 alle 3.00, i secondi dalle 21.00 all’1.00. A seguito di alcune richieste, la Giunta ha comunque deciso di attuare un correttivo: il sabato pomeriggio sarà possibile iniziare le attività musicali alle 18.00. Ovviamente, chiarisce l’assessore alle Attività Produttive, si fa riferimento alla musica intesa come intrattenimento durante le serate e non alla musica di sottofondo diffusa solitamente nei lidi a volume contenuto; su quella, chiarisce, non ci sono limitazioni.

(253)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.