accorinti-sindaco

No al Salone della Bandiere? Accorinti incontra i cittadini a Piazza Unione Europea

Pubblicato il alle

2' min di lettura

accorinti-sindacoRenato Accorinti ritorna sulla decisione del Commissario straordinario, Luigi Croce, di non concedere il Salone delle Bandiere per eventi a sfondo politico. Decisione che il candidato sindaco considera “profondamente ingiusta”: «un provvedimento — insiste — ancora in vigore in tutta la sua imponenza antidemocratica». Gli incontri programmatici, però, non si fermano: «continueranno — spiega Accorinti — proprio al Comune, la nostra casa, la casa di tutti i cittadini messinesi, negata a tutti nella sua espressione più libera e completa».Appuntamento, dunque, giovedì 11 alle 17.30 a Palazzo Zanca per il decimo incontro programmatico, “Bilancio partecipato e rischio default”. «Non entreremo nel Salone delle Bandiere — prosegue in una nota Accorinti —, rispetteremo la disposizione anche se è palesemente ingiusta e cozza con il concetto stesso di legalità. Ci confronteremo e discuteremo sui tragici numeri delle casse comunali sulle scale di Piazza Unione Europea, con un doppio obiettivo: Mettere in campo il coraggio della verità per quanto riguarda i conti pubblici di Messina, abbandonando la politica della “polvere sotto il tappeto” e cercare di pianificare le soluzioni future, meglio eventualmente anche con la dichiarazione di default, per non addossare ai cittadini i costi di un dissesto “mascherato” per ripagare i prestiti di Stato e Regione; Sensibilizzare ancora una volta il Commissario straordinario del Comune a revocare l’incomprensibile scelta di negare il Salone delle Bandiere per eventi politici, decisione che penalizza non solo noi e gli altri movimenti ma anche e soprattutto i cittadini di Messina». «E da domani — conclude — tutti i nostri incontri, dalla presentazione del programma all’ufficializzazione della squadra, si svolgeranno in piazza Unione Europea finché il provvedimento non verrà revocato».

(73)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.