Minifinanziaria regionale, Grasso: “Dal Governo Crocetta solo mancette”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

La Commissione regionale al Bilancio ha dato il primo ok alla minifinanziaria del Governo Crocetta, con la maggioranza che esulta per via dei fondi che saranno destinati ai precari degli enti locali e dei comuni in dissesto.

Tra i banchi dell’opposizione invece si storce il muso, con la deputata di Forza Italia, Bernadette Grasso, che si sofferma sulle cifre dell’assestamento di bilancio: “Alla fine quello che temevamo è successo: molti Comuni che attendevano i 115 milioni per chiudere i bilanci se ne vedranno stanziati appena 50. C’è dunque un buco da 65 milioni di euro che la Regione dovrebbe pagare con un mutuo che partirà in ritardo rispetto alle esigenze degli enti locali”.

Altro che mano d’aiuto per i comuni, per l’esponente del centrodestra questa manovra rappresenta una sconfitta per gli enti locali: “Forza Italia aveva proposto in commissione un emendamento che avrebbe consentito di stornare ai comuni i soldi previsti per i debiti fuori bilancio e per questi ultimi ricorrere a un prestito ma è prevalsa la linea che sarà la Regione ad accollarsi questi mutui, necessari a estinguere i singoli debiti. Ma questi 115 milioni di euro erano già inseriti nella finanziaria 2016 trattandosi di fondi Pac, il governo regionale avrebbe dovuto inviare al Cipe la tabella di programmazione della spesa. Cosa che non è stata fatta o è stata fatta senza seguire il giusto iter. Nella finanziaria Ter approvata in questi giorni, abbiamo letto di molte norme-mancia che accontenteranno i deputati di maggioranza ma non i comuni sull’orlo del default. Una sciagura prevista che doveva essere evitata”.

(54)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.