Messina salva. Firmato il decreto che consente l’arrivo dei 40 milioni prestati dalla Regione

Pubblicato il alle

1' min di lettura

crocetta-croceFirmato il decreto “Salva Messina”, quello con cui la Regione si impegna a versare la somma di 40 milioni ai Comuni che abbiano attivato le procedure di predissesto, in particolare «in favore dei Comuni di Messina, Monreale, Belmonte Mezzagno e Caccamo».
E’ Messina, però, che tratterrà il grosso del prestito regionale: circa 33 milioni.
La spartizione tra gli enti è scaturita dal fatto che i quattro enti sono gli unici ad aver sforato il patto di stabilità nel biennio 2010-2011 ( ancora in forse, la violazione, per il Comune di Messina, in attesa della decisione del Cga e della Corte costituzionale).

Perchè l’Amministrazione messinese torni a “respirare”, sarà necessario, nei prossimi anni, attingere dalle imposte locali. Imu e Tares, la nuova tassa sui rifiuti tutta a carico dei cittadini, dovrebbero fornire il “grosso” delle risorse comunali.

(45)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.