In ginocchio anche i servizi sociali. I sindacati chiedono a Croce soluzioni e risorse in favore di lavoratori e soggetti deboli

Pubblicato il alle

3' min di lettura

clara crocéIeri c’erano anche i lavoratori delle cooperative sociali a protestare a Palazzo Zanza. Circa 800 persone impegnate giornalmente ad aiutare bambini, anziani e malati; persone che da 6/7 mesi non ricevono lo stipendio e che da anni aspettano la pubblicazione dei bandi di gara per la prosecuzione dei servizi. E rimane poco tempo, ormai, per continuare a sperare. Il 31 dicembre scadranno gli ultimi bandi: oltre quella data, in assenza di bandi, altri lavoratori rimarrebbero disoccupati e con loro anche anziani, bambini e malati patirebbero. «I lavoratori sono allo stremo – dichiarano Clara Crocè, Segretario Generale della FP CGIL, Renato Cristaldi della CISL FP e   Laura Strano della UIL FP- molti di loro devono percepire ancora gli stipendi relativi ai mesi di aprile e maggio. Altri, dal mese di giugno . Mentre il Comune non paga le fatture alle cooperative dal mese di maggio . Le cooperative, che comunque hanno anticipato qualche mensilità ai lavoratori , ormai non sono più in grado di mantenere i servizi, in quanto devono anticipare i costi di gestione e il pagamento dei contributi  previdenziali ai fini dell’ottenimento del DURC. Paradossale la situazione della cooperativa Arzilla, alla quale il Comune non versa le fatture dal mese di dicembre 2011. A  rischio l’assistenza dei minori. Il Commissario Croce,  ha ricevuto  i sindacati e una delegazione di lavoratori  – continuano Crocè, Cristaldi e Strano – ai quali ha fatto presente la grave crisi finanziaria in cui versa il Comune. «Da Roma dovrebbe arrivare le risorse relative ai trasferimenti nazionali – ha aggiunto Croce – tali somme, saranno destinate al pagamento degli stipendi di tutti i lavoratori».  I sindacati hanno rappresentato al Commissario  Croce, il dramma  vissuto dai lavoratori delle cooperative  e  hanno chiesto garanzie in merito al pagamento degli stipendi e  sul futuro occupazionale degli 800 lavoratori impiegati presso le cooperative. «Occorre procedere alla pubblicazione dei bandi di gara – hanno dichiarato Crocè Cristaldi e Strano – a rischio l’assistenza  ai disabili, alle persone anziane, l’assistenza ai minori e  gli asili nido». Il Commissario Croce ha fatto presente  che è stato nominato il Dirigente presso il Dipartimento servizi sociali,  il dott. De Francesco, al quale,  è stato assegnato  l’obiettivo di individuare delle soluzioni  e delle risorse , per procedere alla pubblicazione dei bandi di gara per  la gestione di Casa Serena e gli altri servizi di prossima scadenza . «Nonostante la grave situazione finanziaria dell’Ente – continuano Crocè Cristaldi e Strano – il Commissario ha assunto l’impegno  del mantenimento degli attuali  livelli occupazionali» . I Segretari delle Funzioni Pubbliche di CGIL CISL e UIL  hanno inviato una nota al Dott. De Francesco, per chiedere l’attivazione di un tavolo tecnico con le OO.SS. per individuare soluzioni  e risorse finanziarie ai fini della  salvaguardia dei  lavoratori e degli  utenti.

(43)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.