Il sindaco di Furnari contro Tirrenoambiente…. in difesa dell’ambiente

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Il sindaco di Furnari, Mario Foti, chiede l’annullamento dell’iter procedimentale di V.I.A,(valutazione d’impatto ambientale) avviato dalla Tirrenoambiente, per il progetto di completamento di un impianto di percolato presso la discarica di Mazzarà S. Andrea.
Secondo Foti, esisterebbero alcune irregolarità nell’avviso pubblicato sulla Gazzetta del Sud, lo scorso 20 Dicembre, e non ci sarebbero state le autorizzazioni necessarie al progetto, in seguito all’intervento di annullamento rilasciato dal T. A.R di Catania.

“Nella qualità di sindaco di Furnari, – scrive Foti in una nota inviata agli assessorati all’Energia e all’Ambiente, al presidente Crocetta, al ministro dell’Ambiente ed alla Provincia- al fine di tutelare la salute della comunità, rilevo l’irregolarità ed incompletezza dell’avviso in quanto non soddisfa i requisiti minimi previsti dalla normativa. Infatti non c’è alcuna indicazione sui possibili impatti ambientali, né quella relativa alle sedi dove possono essere consultati gli atti nella loro interezza, né infine viene indicato il termine entro il quale è possibile presentare osservazioni”.
“Tirrenoambiente – prosegue il sindaco – invece si è limitata a pubblicare un avviso sulla Gazzetta del sud del 20/12/2012, senza dare alcuna notizia persino sul sito web dell’’ A.R.T.A. Pertanto chiedo all’assessorato l’ annullamento di tutta l’attività procedimentale sino ad oggi svolta”.
Foti chiede una nuova pubblicazione dell’avviso a mezzo stampa, con i requisiti prescritti dalla legge, anche sul sito web dell’ Assessorato Territorio e Ambiente dando modo alle comunità interessate di consultare la documentazione progettuale e presentare eventuali osservazioni.
Mario Foti conclude sottolineando che il T.A.R. di Catania, con le sentenze n.1888/12 e 1882/12 del 7 dicembre 2012, ha dichiarato illegittime le autorizzazioni integrate ambientali rilasciate in favore di Tirrenoambiente dall’ARTA nel 2009 relative all’impianto di biostabilizzazione ed all’ ampliamento della discarica.
“La popolazione di Furnari ha già subito abbastanza in questi anni per la devastazione causata dalla discarica posta a duecento metri dall’abitato- ha infine dichirato Foti – quindi per salvaguardare la già pregiudicata salute dei miei concittadini e tutelare l’ambiente chiedo l’accesso e la consultazione degli gli atti relativi al progetto, i decreti regionali emessi dal direttore del settore rifiuti agenzia regionale per i rifiuti ed acque, nonché l’ordinanza commissariale n.618 del 31/5/2006 che riguarda i provvedimenti rilasciati alla società Tirrenoambiente, nonché ogni atto inerente la realizzazione di un impianto di completamento del trattamento di percolato”.

(90)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.