I Radicali tornano davanti al carcere

radicali amnistia carcereSit-in di protesta questa mattina davanti alla sala colloqui del carcere di Gazzi dei Radicali. Chiedono, per l’ennesima volta, l’applicazione dei provvedimenti contro il sovraffollamento delle strutture.
Questa la nota:

“Che fine ha fatto l’indicazione contenuta nel messaggio del presidente della Repubblica di inizio ottobre? Che fine hanno fatto i “rimedi straordinari” di amnistia e indulto? In Italia la giustizia è insensatamente lenta e senza alcun rispetto dei diritti umani fondamentali, tanto per l’irragionevole durata dei processi (violazione art.6 della Convenzione Europea sui diritti dell’Uomo) quanto per i trattamenti inumani e degradanti (violazione art. 3 della stessa Convenzione) a cui sottopone i suoi cittadini detenuti. Dall’8 gennaio scorso la Corte Europea dei diritti dell’uomo ha accertato in Italia la violazione strutturale dell’art. 3 della Convenzione europea che, sotto la rubrica “proibizione della tortura”, pone il divieto di pene e di trattamenti disumani o degradanti a causa della situazione di sovraffollamento carcerario in cui 7 dei ricorrenti si sono trovati (tre di loro erano difesi dagli avvocati radicali Giuseppe Rossodivita e Flavia Urcioli).
La Corte ha affermato, in particolare, che “la violazione del diritto dei
ricorrenti di beneficiare di condizioni detentive adeguate non è la
conseguenza di episodi isolati, ma trae origine da un problema sistemico risultante da un malfunzionamento cronico proprio del sistema penitenziario italiano”.

(72)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *