Faraone incontra i Renziani: “Nessun accordo locale su Ridolfo in cambio dei voti al sindaco di Firenze”

Renziani2Il deputato nazionale Davide Faraone ha incontrato i Renziani del capoluogo e i rappresentanti delle associazioni Big Bang di tutta la provincia. E’ stato smentito l’accordo tra i parlamentari messinesi per la candidatura unitaria di Basilio Ridolfo a segretario provinciale in cambio del sostegno a Matteo Renzi, candidato alla segreteria nazionale.

I Renziani messinesi spiegano:

“Presso il circolo “Libertà” del PD, si è tenuto l’incontro tra il coordinatore regionale dell’Area Renzi, il deputato nazionale Davide Faraone, ed i responsabili della rete associativa “Big Bang” dei vari comuni della Provincia di Messina.

In merito alle ricostruzioni effettuate dalla stampa locale, relative ad un presunto accordo regionale tra l’Area Renzi e le locali deputazioni nazionali, che peraltro possa avere giustificato l’accordo unitario sulla segreteria provinciale del PD di Messina, si smentisce senza minimo dubbio ogni tipologia di intesa od accordo sancito a livello nazionale o regionale, nei metodi e nelle forme che sono state ipotizzate dalla stampa, e che peraltro prevedesse il ‘sacrificio’ dei tanti militanti del rinnovamento che da anni sostengono lealmente la proposta politica di Matteo Renzi.

Nell’incontro si è inoltre confermata la centralità della rete “Big Bang” della Provincia di Messina nella logica di rinnovamento e di cambiamento della politica  che la vedrà direttamente e principale protagonista nelle prossime settimane, nel percorso che accompagnerà Matteo Renzi alle primarie dell’8/12/2013.

La credibilità dei protagonisti e dei sostenitori della rete su tutto il territorio provinciale, prescindendo dalla anzianità di appartenenza, si gioca sulla effettiva volontà di essere protagonisti di vero cambiamento, con fatti e comportamenti che nettamente si discostino dalle pratiche del passato. Sulla base di queste convinzioni, e in una logica paritaria e orizzontale che non ha mai previsto, né mai prevederà, la prevalenza di uno o di un altro presunto potente o signorotto del Partito locale, signore delle tessere o del consenso, Davide Faraone condivide la necessità di governare il cambiamento in maniera paritaria e condivisa, senza i verticismi e le presuntuose prove di forza che hanno contraddistinto le pratiche del Partito a livello locale e regionale fino a qualche settimana fa”.

(64)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *