Esenzione Tari 2015, la delibera deve tornare in consiglio

Abbate CarloLa delibera per le riduzioni e le esenzioni sulla Tari dell’anno 2015 potrebbe tornare in consiglio comunale. Tutta colpa di un vizio sostanziale che impedisce al Dipartimento competente, vale a dire quello ai Servizi Sociali, di pubblicare il bando  con le esenzioni e le riduzioni previste dal regolamento. Il problema sarebbe che il consiglio comunale, il 23 novembre scorso,  avrebbe votato una delibera “viziata”, visto che nell’atto in questione la scontistica e le riduzioni sarebbero calcolate su quattro rate.

Peccato, però, che per l’anno 2015 la Tari è stata suddivisa in  tre rate. Un vizio che di fatto lega le mani del Dipartimento, mentre i cittadini da diverse settimane aspettano la pubblicazione del bando per poter presentare le rispettive domande. A scoprire questo errore sono stati i consiglieri comunali Francesco Pagano e Carlo Abbate, che chiedono all’amministrazione comunale di sollecitare il dirigente ai servizi sociali, Domenico Zaccone, affinchè la delibera riveduta e corretta torni in aula nel più breve tempo possibile.

(112)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *