Elezioni. Ponte sullo Stretto, Germanà: «Salvini lo ha inserito tra le priorità della Lega»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Matteo Salvini ha inserito il Ponte sullo Stretto di Messina tra le priorità della Lega in vista delle elezioni politiche del 25 settembre 2022. Ad annunciarlo è il deputato Nino Germanà, che lancia una sferzata al centrosinistra: «Il Pd continua a buttare soldi con un chiaro intento, quello di non realizzarlo. Ma lo farà il centrodestra e da messinese sono felice».

Mentre ancora si attende l’esito del tavolo del centrodestra svoltosi ieri per discutere della linea per le elezioni politiche, e in teoria anche per quelle regionali (e qui in Sicilia la ricandidatura di Nello Musumeci continua a essere appesa a un filo); iniziano a trapelare le prime notizie sugli argomenti di discussione tra i partiti della coalizione. Dopo la parlamentare di Forza Italia, Matilde Siracusano, anche Nino Germanà (di Prima L’Italia, gruppo nato dalla Lega in vista delle regionali) torna a parlare di Ponte sullo Stretto di Messina.

«Dopo il signor No – scrive in una nota il parlamentare messinese –, ci vuole un SÌ convinto per le opere del Paese, a cominciare dal Ponte sullo Stretto e bene ha fatto Matteo Salvini ad inserire la megastruttura tra le priorità della Lega in vista delle elezioni 2022. Perché il Ponte sullo Stretto non è un’opera di Messina, della Sicilia o della Calabria, è un’opera nazionale, del Paese e dell’Europa. Basta con le ambiguità, il Ponte va realizzato perché farebbe crescere tutto il Mezzogiorno e perché anche l’Europa lo chiede».

Come la collega di Forza Italia prima di lui, anche Germanà si scaglia contro lo studio di fattibilità: «I 50 milioni di euro stanziati per lo studio di fattibilità affidato a Rete ferroviaria Italiana rappresentano una vergogna. Dopo gli studi fatti negli anni ed i soldi spesi per un progetto definitivo, l’unico che può essere utilizzato ovvero quella del Ponte a campata unica, quei soldi sono una spesa incomprensibile. Anzi, forse sì: testimoniano come Giovannini e il Pd non hanno mai voluto il Ponte».

(151)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.