Elezioni politiche. Un museo del Cinema nell’ex Irrera a Mare: la proposta di Alessandra Minniti

Pubblicato il alle

2' min di lettura

L’area dell’ex Fiera di Messina, e in particolare l’ex Irrera a Mare, torna al centro del dibattito cittadino e anche di quello elettorale. Tra le varie proposte c’è quella della candidata alle elezioni politiche di Alleanza Verdi Sinistra Italiana, la professoressa Alessandra Minniti: secondo lei andrebbe recuperato e al suo interno andrebbe fatto un museo del Cinema.

Con la decisione dell’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto di non realizzare i nuovi uffici all’interno dell’ex Fiera di Messina, si è riacceso il dibattito – mai realmente sopito – sul futuro dell’area, e in particolare dell’affaccio al mare, da poco riscoperto con la demolizione del vecchio Teatro.

«L’edificio ex Irrera a Mare – scrive in una nota la candidata al Senato – nell’area che è stata della Fiera di Messina è il luogo perfetto che sintetizza uno dei periodi più prestigiosi della Storia messinese e della sua internazionalità, conservando anche un valore sociale per generazioni».

Secondo Alessandra Minniti, si tratta di «una struttura che va preservata, non a caso ha ottenuto il vincolo della Soprintendenza dei Beni culturali e rappresenta l’ombelico che unisce la città di ieri con il futuro e, quindi, il waterfront che nascerà, grazie anche alla visione progettuale di “apertura” al mare portata avanti dal presidente dell’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto di Messina, Mario Mega. Per tali ragioni la mia proposta è di recuperare l’ex Irrera a Mare e realizzare all’interno il museo del Cinema».

«L’altro aspetto poi – conclude la candidata – è stabilire a cosa destinare il resto dell’ex Fiera. Nella mia idea non immagino la riapertura dell’area come solo prolungamento della Passeggiata, ma la nascita di spazi per manifestazioni culturali all’aperto, creare un’arena cinema e la possibilità di montare palchi modulari per eventi prestigiosi come il Festival internazionale del jazz, del “The Brass Group”, che dagli anni Settanta agli Ottanta ha portato a Messina artisti di livello mondiale».

Questa una delle proposte. Intanto, qualche giorno fa siamo andati a dare uno sguardo alle attuali condizioni dell’ex Fiera di Messina, al momento praticamente in un limbo tra vegetazione incolta e incertezza.

(127)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.