lega

Elezioni Messina. Centrodestra ancora diviso, la Lega: «Nostro appello all’unità inascoltato»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Non si scioglie il nodo del candidato sindaco del centrodestra a Messina. Mentre una parte della coalizione si riconferma compatta su Maurizio Croce, infatti, dalla Lega arrivano ulteriori appelli che invitano i cinque partiti sostenitori della proposta a fare un passo indietro in nome dell’unità.

Nonostante le elezioni amministrative, fissate a Messina per il 12 giugno 2022, siano praticamente alle porte, il centrodestra stenta ancora a trovare l’unità e si fa più forte il rischio che alle urne la coalizione ci vada separata: Forza Italia, Udc, Sicilia Futura, Ora Sicilia e Democrazia Liberare da una parte, la Lega e Fratelli d’Italia dall’altra. I primi cinque partiti hanno infatti riconfermato la loro posizione su Maurizio Croce, che ha accolto «con sincero orgoglio e con senso di profonda responsabilità l’ennesimo atto di stima e di fiducia nei miei confronti reso pubblico in giornata dalle forze politiche che hanno proposto e che continuano a sostenere, con convinzione, la mia candidatura a sindaco di Messina. Un ulteriore input che stimola in me la forza e la determinazione necessarie per affrontare questa sfida avvincente».

A replicare, poche ore dopo, il Commissario provinciale della Lega di Messina, Daniela Bruno: «L’appello al senso di responsabilità e l’auspicio a trovare una sintesi proficua per l’unità della coalizione di Centrodestra lanciato anche oggi dalla Lega di Messina resta ancora una volta vano ed inascoltato. La Lega ha sempre dato grande disponibilità nel fare da collante rispetto ad una proposta politica unitaria che fino a questo momento non è arrivata».

(129)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.