D’Alia (Udc): «I numeri non contano. Se fossimo stati opportunisti ci saremmo alleati con Bersani»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

dalia«Non siamo opportunisti altrimenti ci saremmo alleati con Bersani», questa la dichiarazione del segretario regionale dell’Udc, Gianpiero D’Alia, che ha spiegato i perché dell’alleanza al candidato premier Mario Monti, insieme a Fli e la lista dell’attuale premier, nel giorno della presentazione dei candidati messinesi a Camera e Senato. D’Alia nei due collegi siciliani alla Camera e Saro Sidoti al Senato sono praticamente in parlamento. Gli altri, da Giorgio Muscolino a Matteo Francilia, da Piero La Tona a Daniela Bruno “lavoreranno” per il partito. Eppure i sondaggi danno in calo il partito di Casini, gruppo principale a sostegno di Monti, mentre D’Alia risponde: «Invece i sondaggi sono positivi. L’area che supporta Monti e di cui facciamo parte attrae gli italiani per il 15% e se noi perdiamo mezzo punto non interessa, già nel 2008 avevamo denunciato i due blocchi, siamo andati da soli e il tempo c’ha dato ragione. Noi vogliamo ragionare sui programmi per cambiare le cose, le alleanze hanno stufato. Se fossimo stati opportunisti saremmo andati con Bersani ma non abbiamo scelto per questioni numeriche». Presente all’incontro con i cronisti anche il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone. D’Alia ha sottolineato che pur non essendoci in lista “uomini” di Nino Beninati i rapporti con quest’ultimo rimangono ottimi e ha criticato Pdl e Pd nel mancato cambiamento della legge elettorale. Per l’Udc è prioritario, nella prossima legislatura, andare verso il sistema elettorale tedesco modificando il “Porcellum”, dando la parola agli elettori attraverso le preferenze e riformando la costituzione con la riduzione del numero dei parlamentari. Per le amministrative, D’Alia ha rimandato tutti a dopo le Politiche. In sala anche Pippo Naro che ha lasciato a Sidoti lo spazio in parlamento: «Ma è come se fossi candidato — ha risposto Naro —. Sapete che sono al centro di una vicenda giudiziaria che mi ha portato alle dimissioni da segretario amministrativo del partito, proseguo il mio impegno per Sidoti, D’Alia e tutto il partito».

@Acaffo

(55)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.