Consiglio in notturna sul Piano Signorino: si va verso la bocciatura e la proroga

municipioSi deciderà nella notte la sorte del Comune anche se la strada sembra obbligata: stasera, alle 21,30, il Consiglio comunale valuterà il nuovo Piano di riequilibrio presentato dall’assessore al Bilancio Signorino. Piano respinto dai Revisori dei Conti, come già fatto con l’ipotesi di archiviare la delibera Croce e che probabilmente sarà rispedito al mittente anche dall’aula per consentire, grazie alla legge di Stabilità, altri sessanta giorni di tempo per proporre un nuovo documento in grado di poter avere accesso al Fondo di rotazione nazionale e forse al decreto legge per il prestito che servirà a pagare le imprese e anche in questo caso da rimborsare allo Stato, il primo in dieci anni e il secondo in trenta. Il nuovo Piano Signorino non segue quello presentato e approvato dall’ex commissario Luigi Croce, contiene i debiti certi, liquidi ed esigibili con un “buco” di 133 milioni di euro; con i crediti avanzati a Palazzo Zanca ma ancora oggetto di contenziosi la cifra sale a circa 500 milioni di euro. Nella maggioranza di centrosinistra il clima è di quelli freddi per via di dover rattoppare un vestito consegnato alla scadenza dei tempi. Se oggi, infatti, il Consiglio non dovesse votare il Piano sarebbe dissesto, evenienza che nonostante i mal di pancia di molti non dovrebbe affacciarsi tra i banchi consiliari. @Acaffo

(38)

Categorie

Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *