Comitato “29 dicembre”: Su via Don Blasco il Comune è troppo ottimista, servirà più tempo”

Don BlascoA fine mese è previsto l’arrivo del decreto di finanziamento di 27 milioni di euro per la nuova via Don Blasco, opera strategica per la rinascita di Messina il cui progetto è stato approvato lo scorso 30 giugno.  Secondo l’amministrazione, i lavori inizieranno già dal prossimo mese di ottobre. Previsioni troppo ottimistiche per il Comitato “29 dicembre” che oggi, nel corso di una conferenza stampa a palazzo Zanca, ha puntato il dito contro il cronoprogramma stilato dalla Giunta, evidenziando il serio rischio di veder slittare i tempi d’avvio dei cantieri.

Per il Comitato presieduto da Patrizia Midiri e supportato dal consigliere comunale Daniela Faranda,  sono necessari ulteriori passaggi burocratici prima di poter iniziare la realizzazione dell’importante arteria. Secondo quanto riporta “29 dicembre”, il verbale di validazione del progetto rilasciato dalla Rina Check prevede alcune richieste di chiarimenti ed integrazioni che l’amministrazione conta di risolvere in breve tempo. Tuttavia, il progetto deve passare anche dalla Regione per una procedura di verifica, successivamente le carte dovranno essere inviate in Commissione Lavori Pubblici per la richiesta di indizione di una Conferenza dei Servizi.

“Detta Conferenza – spiega il Comitato – dev’essere presieduta dal dirigente generale del Dipartimento competente, non prima di aver consentito agli Enti interessati di esaminare il progetto, operazione che richiede almeno trenta giorni. Inviando la richiesta il 13 luglio – continua il documento – e supponendo che i diretti interessati siano travolti da stakanovismo, si potrebbe ipotizzare l’indizione della prima seduta della Conferenza Speciale in data 7 settembre 2015”.

Qualora tutto fili liscio, il progetto potrebbe essere approvato già in prima seduta, se invece dovessero manifestarsi richieste di chiarimenti, occorrerebbe convocare un’ulteriore seduta arrivando addirittura al 12 ottobre.  Ma l’iter non finisce qui e il Comitato smentisce l’assessore ai Lavori Pubblici Sergio De Cola. “Approvato il progetto – sottolinea il Comitato 29 dicembre – il Rup dovrà validarlo e inviare i relativi fascicoli all’Assessorato regionale per richiedere il decreto di finanziamento. Sempre dando per scontato un approccio teutonico, l’emissione del decreto potrebbe avvenire entro dicembre 2015”.

Midiri, Magazzù e Venuti del Comitato "29 dicembre"

Midiri, Magazzù e Venuti del Comitato “29 dicembre”

Il Comitato “29 dicembre” sottolinea un altro aspetto finora tralasciato dall’amministrazione. “Occorre entrare in possesso dei beni da espropriare – precisa il gruppo di Patrizia Midiri – operazione che in uno slancio di ottimismo richiederebbe ulteriori tre mesi di tempo. Auspicando l’insorgere di pochissimi contenziosi e tutti di rapida soluzione, la conclusione dell’iter è stimata per il marzo 2016. A seguire – precisa il documento – l’Urega dispone di circa 45 giorni per preparare la gara d’appalto, le buste si apriranno non prima di giugno 2016. Una gara di questa rilevanza è certo che porterà via almeno due mesi di tempo e ancora trenta giorni per giungere ad un’aggiudicazione definitiva salvo contenziosi”.

A questo punto, il Comitato “29 dicembre” ha pochi dubbi: l’apertura del cantiere per la nuova via Don Blasco non sarà aperto prima di novembre 2016. Un anno dopo rispetto alle previsioni dell’amministrazione.

 

(266)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *