Addio Atm, Croce fa nascere la Spa. Via libera, per il 49% dei servizi, ai privati

Pubblicato il alle

1' min di lettura

atmSembrava che la questione Atm fosse già nelle mani del futuro sindaco e invece il commissario del Comune Luigi Croce, all’ora di pranzo, ha stupito tutti. Il funzionario, con i poteri della giunta, ha esitato la costituzione della società per azioni Azienda Trasporti Messina, con capitale iniziale di 120 mila euro, per subentrare all’azienda speciale Atm in tutti i servizi gestiti. Il provvedimento dovrà essere esaminato dal Consiglio comunale. Da indiscrezioni, l’atto dovrebbe essere a conoscenza degli esponenti politici domani, contiene con doppio bando di gara (ovvero un socio che metta capitali e che abbia le caratteristiche richieste per il Trasporto) l’affidamento del 49% delle attività a privati. Opzione che ha già messo in allarme i sindacati. Il testo approvato da Croce prevede la garanzia degli attuali livelli occupazionali anche se le organizzazioni vogliono vederci chiaro, la nascita di una sola società per azioni (e non tre) e dell’Atm come unico gestore della Mobilità Urbana attraverso l’Agenzia di Mobilità Urbana. Il documento, la scorsa settimana, è passato al vaglio dei sindacati ma era stato richiesto che la bozza fosse maggiormente dettagliata. Croce ha anticipato tutti approvando l’atto per non perdere altro tempo in attesa che la delibera finisca in consiglio comunale. @Acaffo

(43)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.