zonafalcata

Accordo Zona Falcata: strategico per Messina. Soddisfatto Picciolo

Pubblicato il alle

2' min di lettura

 

zonafalcataLa lunga diatriba sulla zona Falcata sembra ormai essere giunta al termine grazie all’accordo che Regione, Autorità portuale e Ente autonomo portuale di Messina sigleranno in mattinata. In seguito, finalmente, potranno essere avviati gli interventi di bonifica dell’intera area, che verrà così recuperata e restituita alla città e potrà svolgere le sue naturali funzioni turistiche. Certo è che dovrebbe anche favorire il via libera al Piano regolatore portuale, approvato ma ancora fermo a Palermo. L’aspetto ancor più importante è dato dal fatto che a seguito di tale accordo la realizzazione del punto franco nella zona industriale di Giammoro dovrebbe diventare realtà e consentire così l’avvio di un’importante piattaforma logistica di libero scambio nel Mediterraneo che consentirebbe l’approdo di navi che al momento non attraversano lo Stretto.

L’onorevole Giuseppe Picciolo interviene, soddisfatto, in merito all’accordo sulla Falce: «Oggi a Messina si registra un fatto storico, dopo 15 anni di guerre  giudiziarie due Enti pubblici trovano un accordo che dovrebbe consentire — precisa il deputato regionale dei Drs — l’avvio di un percorso di  riqualificazione e di rilancio della preziosa zona falcata di Messina». 

Alla luce del risultato raggiunto — nella nota — il deputato auspica che il Governo regionale e il presidente Rosario Crocetta mantengano ora due impegni fondamentali: «L’immediata approvazione  del Piano regolatore portuale che giace bloccato a Palermo e che  rappresenta la vera opportunità di riordino e rilancio turistico della  Falce; l’impegno del Governatore a mettere a “ferro e fuoco” il  ministero delle Infrastrutture nel caso in cui si volesse attuare  l’ennesimo scippo dell’Authority messinese».

«Non si potranno fare sconti a  nessuno – conclude il capogruppo all’Ars dell’Unione dei moderati —, anzi, grazie alla titolarità regionale delle aree, si potrà ostacolare un  piano di accorpamento che, ritengo, vedrà tutti schierati a difesa della  autonomia di Messina con in testa auspico il nostro presidente Crocetta».    

(51)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.