Prg, CittadinanzAttiva: “Senza Variante si rischia di costruire in zone pericolose”

cittadinanzattivaIn seguito al parere negativo del Genio Civile sulla  Variante di Salvaguardia del Piano Regolatore Generale del Comune di Messina, emesso anche a causa della mancata produzione, da parte del Comune di Messina, delle indagini geognostiche, interviene con una nota CittadinanzAttiva.

“Sappiamo tutti, e noi per primi lo abbiamo più volte denunciato, dell’inadeguatezza di questa amministrazione comunale quando si  trova a dover fronteggiare le innumerevoli questioni che affliggono la nostra martoriata comunità. Anche questa volta diciamo no, non ci stiamo, perché non possiamo assistere inerti al verificarsi di danni alla città a causa di chi, per evidente insufficienza di capacità amministrative, permette che continuino le speculazioni e le aggressioni del territorio. Infatti la mancata approvazione della citata Variante di Salvaguardia comporta che qualsiasi progetto venga presentato agli Enti competenti, per il rilascio dei consequenziali pareri, per opere di edilizia residenziale sia privata che pubblica, agevolata, sovvenzionata, lottizzazioni, centri commerciali o più in generale modifiche significative del territorio, in zone che sappiamo quanto nel tempo sono state oggetto di “legalizzata” aggressione , alle condizioni date, sarebbe possibile realizzarlo”.

“Ciò  – continua il movimento – per la semplice ragione che le norme attualmente vigenti lo consentirebbe. Né servirebbe il pur lodevole tentativo del Comune di negare l’autorizzazione: si darebbe, soltanto, la possibilità, alle ditte proponenti, di instaurare innumerevoli contenzioni tra le ditte proponenti e la stessa Amministrazione Comunale che si troverebbe sistematicamente a rischiare di dover soccombere nei confronti di un giudizio davanti al TAR. Cosa sicuramente diversa sarebbe se fosse adottata la suddetta Variante al P.R.G. che diverrebbe immediatamente operativa ancorché non approvata dall’Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente in quanto scatterebbero e da subito le norme c.d. di “salvaguardia”. Sappiamo quali e quanti interessi vi siano attorno ad un P.R.G., ma noi tutti non possiamo consentire ad alcuno di rubarci la speranza di credere che sia ancora possibile salvare importanti e pregiate porzioni del nostro territorio. Spazziamo via quelle zone d’ombra che purtroppo ancora oggi esistono e chiediamo trasparenza degli atti amministrativi affinché si faccia realmente luce su chi ancora oggi trama sul futuro nostro e delle generazioni a venire portando avanti presunte disposizioni normative che altro non sono se non subdoli tentativi di perpetrare aggressione legalizzate delle nostre colline e del territorio più in generale. La Variante allo strumento urbanistico vigente se adottata in tempi rapidi potrebbe bloccare qualsiasi tentativo di devastazione del territorio. Se non si interviene prontamente si consentirà, attraverso atti portati avanti in maniera formalmente e apparentemente legittima, di costruire opere anche in zone a rischio, con gravi danni per la collettività e vantaggi solo per pochi soggetti.

(59)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *