Dal Villino Liberty di Barcellona riparte il cammino dei “Popolari in Movimento”

popolariHa riscosso un certo interesse, all’interno e fuori dal Pd, l’incontro organizzato dai Popolari in Movimento che si è tenuto al Villino Liberty di Barcellona P.G. Il gruppo di ispirazione cattolica del Partito Democratico, guidato da Giovanni Frazzica, costituito nel 2002 con la denominazione iniziale di “Movimento Popolare Siciliano” poi trasformato in “Popolari in Movimento”, ha voluto ribadire la volontà di proseguire lungo la rotta tracciata dal pensiero sturziano, anche trattando temi della attualità, che è caratterizzato da una notevole fluidità politica nella quale i cattolici sembrano essere resi purtroppo marginali nel dibattito, come ad esempio su temi come le adozioni da parte di coppie omosessuali previste dal Dl Cirinnà, anche se avversate da alcuni parlamentari del Pd più vicini alla sensibilità dell’area cattolica.

Giovanni Frazzica ha rilevato anche come all’interno dl Pd si era “creata una cultura da uomo solo al comando – ha detto Frazzica – figlia di quel metodo della pesatura dei leader sulla base delle tessere di partito, del quale un tempo molti si ritenevano oppressi e che oggi invece potrebbe tornare stranamente di moda con altre facce e con altre tessere. Quella cultura, invece,  – continua Frazzica – deve essere messa al bando. Si deve tornare al dibattito interno su tutti i temi politici, sia quelli eticamente rilevanti, sia quelli di carattere più squisitamente politico ed economico. Non è tollerabile – ha aggiunto – che anche eventuali nuovi leader facciano pesare le proprie tessere e zittiscano tutti, specie le minoranze e il dissenso interno bollando come individualismo le voci divergenti dal conformismo maggioritario.  Non è più accettabile – ha concluso Frazzica –  il correntismo dei signori delle tessere realizzando un partito caserma affidato al solito caporale di giornata”.

Al convegno erano presenti molti esponenti del centrosinistra e del Pd barcellonese e messinese. Ospite d’onore il vicepresidente dell’ARS Pippo Lupo, che con la propria presenza ha voluto sottolineare l’importanza dell’area cattolica del PD.

 

(551)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *