teatro vittorio emanuele di messina

Il Teatro Vittorio Emanuele presenta i nuovi spettacoli. Miloro: «Riapre anche la Sala Laudamo»

Pubblicato il alle

6' min di lettura

Una giornata di sole e di teatro, perché il Teatro Vittorio Emanuele di Messina presenta i suoi nuovi spettacoli per la stagione 2021/2022. Due cartelloni, prosa e musica, che danno continuità all’attività svolta fino ad oggi dall’Ente teatrale. «La nostra attività – ha detto il presidente Orazio Miloro – sta cercando di far tornare il teatro a riappropriarsi del proprio ruolo. Il teatro non è solo musica e prosa, ma è anche un polmone del tessuto socio-economico della città, un polmone che deve continuare senza pausa». E infatti, ad aprire la nuova stagione sarà la rilettura contemporanea delle “Baccanti” di Euripide, in scena il 7, l’8 e il 9 gennaio.

«Un teatro che vive. Un teatro – continua Miloro – che sta registrando la presenza di personaggi internazionali. Un ruolo di primo piano che vogliamo continuare a tenere forte e alto. Sarà una stagione pienissima, particolarmente interessante e, lasciatemelo dire, gioiosa». Una stagione quella del Teatro Vittorio Emanuele che pensa anche all’Orchestra e al futuro. «Mi auguro, – ha detto poi Miloro – che chi può pensi concretamente all’Orchestra e che venga tenuta nella giusta considerazione per offrire al teatro un’orchestra stabile. Il prossimo appuntamento sarà l’inaugurazione della Sala Laudamo, probabilmente entro il mese di gennaio. E riusciremo affinché anche la Laudamo abbia una stagione parallela a quella del teatro».

Gli spettacoli del Teatro di Messina

riapertura sala laudamoSaranno due i cartelloni della nuova stagione di spettacoli del Teatro Vittorio Emanuele di Messina: prosa e musica, curati rispettivamente da Simona Celi e Matteo Pappalardo. «Una stagione – ha detto Simona Celi – dedicata al teatro del ‘900, con adattamenti contemporanei». «E – aggiunge Matteo Pappalardo – abbiamo in serbo altre sorprese, altre iniziative e altri spettacoli,  anche nella Sala Laudamo, recuperata e tornata agli antichi splendori, che richiameranno i messinesi, speriamo senza restrizioni e sempre comunque in totale serenità e sicurezza, nel nostro teatro».

Perché l’obiettivo è quello di riportare il pubblico messinese a teatro. «Stiamo attenti al botteghino, – ha detto Giuseppe Ministeri del Cda – ma anche al pubblico, che dobbiamo riconquistare». Dello stesso avviso il sovrintendente Gianfranco Scoglio. «Questo – ha detto Scoglio –  è un cartellone significativo. Non in competizione ma con la collaborazione di altri Teatri: il Bellini, la Fondazione Massimo di Palermo e ora con il Teatro Stabile di Catania.

Noi siamo un teatro di provincia non regionale, i teatri regionali sono altre cose, dobbiamo dare un’offerta culturale alla nostra città, coerente con la nostra funzione di Ente pubblico. Fino a quando non ci saranno soldi dalla Regione Siciliana che aumentano la capacità produttiva non ci sarà stabilizzazione. Quindi il contributo deve essere parametrato agli altri teatri. La nostra vera missione è produrre. Maggiore è il numero degli spettatori, maggiore sarà il numero delle risorse da investire per fare spettacoli. Il teatro rappresenta l’ultimo baluardo che può restituire serenità in questo periodo di crisi».

Le porte sono aperte

prove per la stagione 2021/2022 del teatro vittorio emanuele di messinaIntanto mentre si presentano i nuovi spettacoli, prosegue la rassegna natalizia organizzata dal Teatro Vittorio Emanuele di Messina. In scena domani, mercoledì 5 gennaio, il concerto di chiusura “Da Bach ai Queen” con Stefan Milenkovich al violino e l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele, diretti dal Maestro Marco Alibrando. Insieme agli spettacoli continua anche “L’Opera al Centro“, rassegna di arti visive curata da Giuseppe La Motta e proprio il 7 riprenderanno anche le attività del BookShop, curate da Lucia Vento.

Il programma

Tra musica e prosa, saranno sedici gli spettacoli in programma. Torna anche l’opera con la “Tosca” di Giacomo Puccini, una produzione del Teatro Vittorio Emanuele. Ma anche spettacoli internazionali come il “Machine De Cirque Show” di Vincent Dubè e le prime nazionali come le “Baccanti” che apriranno, come abbiamo detto, la nuova stagione teatrale messinese. Tutto il programma:

  • 7, 8, 9 gennaio: “Baccanti” di Euripide, traduzione e adattamento di Laura Sicignano e Alessandra Vannucci. Produzione Teatro Stabile di Catania. (Prima nazionale)
  • 16 gennaio: “Concerto sinfonico“, con l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele, dirige Francesco Attardi
  • 21, 22, 23 gennaio: “I soliti ignoti“, regia di Vinicio Marchioni
  • 11, 12, 13 febbraio: “Machine De Cirque Show” di Vincent Dubè (Spettacolo internazionale)
  • 18, 19, 20 febbraio: “Se devi dire una bugia dilla grossa“, due atti di Ray Cooney, versione italiana di Iaia Fiastri 
  • 23 e 24 febbraio: “Una serata tra amici“, regia di Christian De Sica, con Pino Strabioli
  • 25, 26, 27 febbraio: “Don Chisciotte“, regia di Roberto Aldorasi, Alessio Boni e Marcello Prayer
  • 4, 5, 6 marzo: “Il Malato immaginario” di Molière, con Emilio Solfrizzi
  • 9 marzo: “Morabeza in Teatro” con Tosca
  • 11, 12, 13 marzo: “Un tram che si chiama desiderio“, con Mariangela D’Abbraccio e Daniele Pecci
  • 18, 19, 20 marzo: “Bellini Black Comedy” di Simone Celi Zanetti (Produzione E.A.R. Teatro di Messina e Regione Siciliana)
  • 6, 8 e 10 aprile: “Tosca“, di Giacomo Puccini, con l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele e il Coro Lirico F.Cilea” diretto da Bruno Tirotta, dirige Carlo Palleschi (Produzione E.A.R. Teatro di Messina)
  • 6, 7, 8 maggio: “L’odore” con Blas Roca Rey e Ester Pantano
  • 20, 21, 22 maggio: “Pour un oui ou pour un non“, con Umberto Orsini e Franco Branciaroli
  • 27, 28, 29 maggio: “Il berretto a sonagli” con Gianfranco Jannuzzo
  • 11 giugno: “Omero è stato qui” dal romanzo di Nadia Terranova, con la compagnia Volere Volare (co-produzione E.A.R. Teatro di Messina)

È possibile acquistare i biglietti online o direttamente al botteghino.

(460)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.