C’era una volta Messina: agosto nella città dello Stretto ieri e oggi

Pubblicato il alle

7' min di lettura

«Il periodo estivo – spiega Franz Riccobono – fin dall’antichità è stato scelto dai mercanti messinesi come momento fondamentale per la promozione dei commerci in città. Il Porto di Messina era infatti un grande emporio tra Oriente e Occidente, e la scelta di collocare tra la seconda metà di luglio e la prima di agosto le manifestazioni principali in quest’ambito derivava dal fatto che i banchi dei mercadanti potevano essere allestiti all’aperto o nel piano del Santo Sepolcro grossomodo corrispondente all’area della moderna Fiera o lungo le banchine del Porto dove più intensa era la presenza dei mercanti. E soprattutto, ciò doveva avvenire in un periodo climaticamente esente dai rischi di piogge o temporali. Di questa consuetudine, che  perdura nel XVI e XVII secolo, sino alla rivolta antispagnola, abbiamo contezza certamente sin da epoca medievale».

(Foto dell’archivio di Franz Riccobono e Giangabriele Fiorentino)

(4465)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.